Angeli, soli e principesse

Un sogno.

Il respiro stretto,

il mondo che non va,

il mio cuore gonfio

come non mai.

Lacrime,

nient’altro che lacrime.

Nuvole, neve,

tuoni e tempesta;

nulla è verde,

nulla è vivo.

Estate, primavera,

cosa sono?

Autunno, inverno,

quando arriveranno?

Il grigio si confonde

con il nero,

vince il dolore.

Ma…

Cosa sono queste piume?

Questo calore che mi afferra!

Non capisco…

Cadevo,

ed ora vado verso l’alto.

…il mio sogno,

questa la mia storia e

la vera realtà.

2 pensieri su “Angeli, soli e principesse”

  1. Mi piace molto la tua vena a mezzo tra la disperazione e la delicatezza.
    Apprezzo le tue poesie che aprono orizzonti a modi di sentire che passano spesso in secondo piano.
    Ognuno di noi ha il suo Angelo.
    Anch’io spesso me ne dimentico, oppure attacco discussioni e liti furibonde con Lui quando mi trascura.
    Francamente non so se noi due parliamo la stessa lingua.
    Il mio deve essere uno straniero capitato per caso al mio fianco.
    Oppure il mio livello di sordità è pauroso.
    Un abbraccio, ragazzino dall’animo dolcissimo.
    Ciao
    anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *