Alice e la famiglia delle meraviglie

(Dalle Favole di Sandra e Michele)

La famiglia Allegrotti aveva un bimbo di nove anni, dopo di che non erano venuti altri figli. Fabio il loro piccolo, francamente non si era mai lamentato per essere un figlio unico, né aveva mai sentito la mancanza di un fratello. Aveva molti amici fra i compagni di scuola, frequentava i giardinetti del quartiere, giocava a calcio, si divertiva a strimpellare la chitarra, ed iniziava ad osservare incuriosito e quasi con galanteria le sue compagne di scuola.

Marta, sua madre, era veterinaria e sempre in continuo contatto con gli animali, ed il padre, Bernardo, era macchinista e guidava treni. Avevano una bella casa con giardino ed una gatta bellissima: Penelope.

Marta e Bernardo erano una coppia felice, ma a quarant’anni sorse in loro l’esigenza di adottare una bambina.

Ne parlarono con Fabio, il quale all’inizio, si trovò un po’ contrariato. Ormai si era abituato ad essere senza fratelli, questa bimba, che avrebbe dovuto chiamare “sorella”, forse arrivava in un momento in cui Lui, proprio non sapeva che farne, non conoscendo appunto il valore di questo dono.

Ci volle un po’ di tempo e, tante scartoffie da leggere e firmare, finché, finalmente, arrivò una bambina da un lontano paese dell’Est.

La piccola per la verità si chiamava Alika, ma a loro, a prima vista, parve Alice. Bellissima, biondissima, con trecce lunghe, lentiggini ed occhi azzurri, e quello fu per sempre il suo nome.

In pochi mesi Alice imparò la lingua e fece anche molto presto ad occupare la sua stanza invadendo anche quella di Fabio, divenuto miracolosamente paziente e comprensivo, a parte qualche tirata di treccia.

La famiglia Allegrotti però, non era affatto una famiglia comune, infatti i tre nascondevano un bizzarro “segreto” senza che fra di sé ne fossero a conoscenza, per il semplice motivo che loro ritenevano la particolarità, una cosa normalissima ma strettamente privata.

Marta, ad esempio conosceva il linguaggio dei pennuti, specie quello dei merli.

Lavorava spesso con questi pennuti e la prima volta che si accorse di questa singolarità, fu nella cura prestata ad un’ala del pennuto di nome Pepe, le ci volle molto tempo per aiutarlo a guarire, ma alla fine il merlo tornò a volare come nuovo e Pepe per “riconoscenza” le ripeteva fino alla noia un motivetto imparato udendo la radio che si trovava nell’ambulatorio.

Un giorno, però, successe qualcosa di più, Marta stanca d’ascoltare in continuazione quel motivetto esclamò ad alta voce: -Pepe, non ne posso più fa’ silenzio!-.

Immediatamente nella stanza calò la quiete più assoluta. Il merlo pareva diventato muto, e quando in seguito Marta lo interrogò sul suo silenzio, Pepe le rispose che era stata Lei a chiederglielo.

La donna rimase allibita per la risposta a tono, ma considerando la sua “particolarità”, si strinse nelle spalle, tenendo per sé il segreto per non essere presa per folle perfino dai membri della sua famiglia.

Bernardo invece era un vero romantico, lui sapeva ascoltare le stelle. Mentalmente parlava con loro, e passava il dopo cena a consultarle appagato dalle loro risposte.

Le stelle gli dicevano che il cielo era un immenso prato blu, dove loro, assieme alla luna, ascoltavano tante confessioni, conoscevano tanti segreti, avevano visto odio e amore, amore e odio, e quando il cielo si incupiva, i temporali, le bufere, si avvicinavano, loro si nascondevano dietro le nuvole gonfie d’acqua, la loro luce non si spegneva, ma rimaneva nascosta, e se il vento fosse venuto in loro aiuto, come spesso faceva, loro sarebbero apparse di nuovo in tutto il loro splendore.

E Fabio? Beh, anche lui aveva la sua particolarità e se ne era reso conto fin da piccolissimo. Adorava sparpagliare tutti i suoi giochi nella stanza, faceva scendere dallo scaffale i pupazzi di peluche, ci giocava, prendeva pennarelli, disegnava sugli album e quando poi la stanza era diventata un bazar…, con gli occhi, in silenzio, guardando oggetto per oggetto, questi tornavano a posto da sé. La mamma non era mai riuscita a capire come facesse a rimettere perfettamente tutto a posto in così poco tempo. Entrava nella stanza, rimaneva imbambolata dal disordine, e gli diceva:

-Fabio, la cena è pronta fra un quarto d’ora, rimetti tutto a posto!-.

Fabio rispondeva: -certo mamma, come sempre-.

Chiudeva di nuovo la sua porta e quando era il momento di sedersi a tavola la stanza era ordinatissima.

Marta si limitava a dire: sei bravissimo.

Certe volte, quando la mamma era stanca o stava poco bene, alla cucina ci pensava Fabio con il suo metodo o potere.

Nessuno dei tre, però conosceva le straordinarie “qualità” dell’altro, fino a che non arrivò Alice che unì, ovviamente senza saperlo, questi tre poteri assieme.

Alice non aveva mai conosciuto i suoi genitori e aveva vissuto fino a quel momento con una vecchia zia in un luogo sperduto dell’Est. Dotata di fantasia era cresciuta assieme a tanti amici immaginari, a quel poco che la natura le poteva offrire di giorno, a parte la tanta neve, e a quello che poteva trovare nelle notti stellate guardando col naso all’insù, e nelle notti di pioggia, amava aprire un piccolo spiraglio della finestra, mettere una bottiglietta di vetro e raccoglierci l’acqua piovana. La mattina la versava nelle piante che si trovavano nel soggiorno; ed era felice così.

Certo che in casa Allegrotti era ben altra cosa, e poi con Fabio il divertimento era assicurato. Lei si era accorta quasi subito dei poteri. Infatti, si divertiva a mettere in disordine la stanza di Fabio, a fare un po’ di “lotta” con Lui e dopo, letto disfatto, disordine più assoluto, osava dirgli:

-Dai Fabio, smuovi gli occhi che poi andiamo a tavola-. 

Fabio non si innervosiva mai, questa bambola bionda che tutti gli invidiavano, era sua sorella, e Lui col passare del tempo le voleva sempre più bene.

La bella gatta Penelope, invece, se ne stava sempre in casa, non era abituata a stare fuori, sempre ben curata sia nella scelta del cibo che nella pulizia personale.

Alice era una compagna impagabile. Le piaceva accarezzarla continuamente, ci parlava e ci giocava. Qualche volta involontariamente gli artigli della gatta smagliavano le calze colorate della bambina e Marta si arrabbiava, ma la sua arrabbiatura aveva breve durata.

Ci fu un compleanno di una compagna di scuola di Alice, la quale invitò l’intera classe a festeggiare nel suo bellissimo giardino. Era il mese di Maggio, il sole era caldo e la Primavera era sbocciata in tutto il suo splendore.

La bambina aveva disegnato su un foglio se stessa, Fabio e la gatta. Tutti e tre in cucina per la consumazione della prima colazione. Osservando il disegno le venne l’idea di andare alla festa con la gatta, anche perché non era proprio entusiasta di andarci. Non conosceva proprio bene tutte le sue compagne e a tanta confusione e baldoria non era abituata. Prima se ne stava sempre da sola, poi, con la sua nuova famiglia, con Fabio e Penelope, ma mai con tantissime amiche nel gioco e nel divertimento. Era un po’ agitata, per questo la compagnia della gatta la tranquillizzava e poi, tutti dovevano ammirarne la bellezza e infatti Penelope si ritrovò col cestino a passeggio con Alice in direzione della casa di Benedetta.

Strada facendo Alice si sentiva un po’ agitata, non era abituata alle feste, non con tantissime persone, la troppa confusione la metteva in imbarazzo.

Appena Alice arrivò, quello che vide superava le sue aspettative: il giardino era immenso, palloncini e giochi ovunque e una bellissima tavola era arricchita da piatti e bicchieri coloratissimi e tante bevande colorate. Non mancava proprio niente, neppure il sole alto e splendente in cielo.

Poi…, stranamente, il tempo ben presto si rannuvolò e grosse gocce d’acqua infradiciarono la bella tovaglia di carta e tutto quelle squisitezze ben disposte all’assaggio.

Ci fu un fuggi-fuggi di bambini urlanti che cercavano riparo all’interno della casa.

Proprio in questo caos di schiamazzi bagnati Penelope scomparve senza che nessuno se ne accorgesse.

La mamma di Benedetta fece del suo meglio, aiutata da altre mamme per sistemare i bambini all’interno e solo dopo un po’ di tempo Alice si chiese dove fosse finita Penelope.

Penelope non si trovava da nessuna parte.

Le ricerche durarono fino a tarda sera, ma tutto fu inutile, come cercare di calmare Alice la quale non si dava pace per la preoccupazione della gattina, sentendosi responsabile dell’accaduto.

Fabio stava tutto il giorno fuori a cercarla e ormai non curava più neanche i suoi compiti.  Bernardo e Marta avevano avvertito il vicinato e gli amici della scomparsa della gatta, ma questa sembrava svanita nel nulla.

Stranamente dalla bella primavera che avevano avuto fino al giorno dell’inizio della festa, il tempo sembrava fare continue bizze, pioveva continuamente ed Alice era sempre più triste.

In silenzio, ogni membro della famiglia provò a mettere in azione e questa volta intenzionalmente ed ognuno per proprio conto, tenendo all’oscuro l’altro, tutto il potere posseduto, per il ritrovamento della gatta e per far tornare il sorriso sul volto di Alice.

Bernardo interrogò le stelle, Marta parlò con i suoi amici animali domandando loro dove poteva essere andata una gattina che non era mai uscita da casa e Fabio buttò all’aria il Mondo, ma nessuno ottenne risposta e intanto il tempo allungava le distanze al ritrovamento sempre più difficile.

La pioggia nei giorni seguenti non ebbe mai nessuna interruzione e ad Alice vennero in mente i giorni uggiosi passati nella vecchia casa. Fu così che iniziò a intuire la sua bizzarra coincidenza, e scoprì in questo modo quale fosse la sua particolarità.

Questa “rivelazione” le permise di riflettere a lungo al punto che un pomeriggio, sempre più triste, uscì spinta da una forza sconosciuta, proprio col cestino dove aveva messo Penelope per andare alla festa.

I genitori e Fabio la guardarono impotenti, le chiesero dove andasse:

-Vado lungo il fiume …, è molto lontano da qui, è vero, ma è un luogo dove ancora non abbiamo guardato. Raggiungetemi lì-.

Alice corse con l’ombrello leggera come una farfalla, le sue magre gambette saltavano tra il verde dei cespugli e il sorriso comparve sul volto e le sue guance si tinsero di rosso abbandonando il consueto pallore. Smise di piovere e si affacciò il sole caldo primaverile.

E fra quell’erba bagnata e pozze, al riparo dall’acqua sotto una grande quercia le si presentò una scena dolcissima: Penelope stava allattando tre gattini, bellissimi come lei.

Gettò l’ombrello per terra, si avvicinò con cautela e mentre le voci amate, si facevano sempre più vicine, Lei a voce alta disse:

-Venite a vedere…, l’ho trovata, é tornato il Sole, e…, sono felicissima, vi voglio troppo bene.- 

Finalmente il sorriso abbracciò tutta la famiglia.

La famiglia Allegrotti imparò una lezione importante e fondamentale: il superpotere più grande, è la forza di un’intera famiglia unita, e non è una “particolarità”, ma semplicemente una costruzione fondata sulla capacità di dare e di aiutarsi volendosi bene soprattutto nelle difficoltà.

7 pensieri su “Alice e la famiglia delle meraviglie”

  1. La solidarietà s’impara in casa, fin dalla nascita, é il primo grosso legame che ci insegna le regole della vita. Sta poi nella crescita dell’individuo metterle in pratica ed insegnarle a sua volta.
    La famiglia é il porto sicuro, a volte anche litigioso, dove ci si confronta, ci si aiuta, dove c’é capacità di comprensione e grande amore. Come dire: tutti per uno, uno per tutti.
    Personalmente ritengo questa vecchia struttura ancora la più valida.
    Grazie della lettura.
    sandra

  2. Un bel racconto che piacerà ai bambini,
    Ci sono tanti protagonisti, umani e non, poteri straordinari e una morale impeccabile che spiega come in una famiglia l’unione fa la forza, l’affetto supera gli ostacoli e l’amore si moltiplica e non diminuisce quando si è in tanti, perchè ognuno fa la sua parte e contribuisce al bene collettivo.
    Ho letto questa storia con piacere.
    Ciao
    anna

    5 s.

  3. La famiglia è il nostro rifugio, il vero punto di riferimento.
    Una bellissima favola.
    Un sorriso e 5 stelle.

  4. A parte il fatto che vorrei il potere di Fabio in prestito per i miei figli, la vostra favola mi ha fatto sorridere e riflettere. Non era questo lo scopo?
    Sempre magnifiche le favole di Sandra e Michele.
    Pioggia di baci e stelline!
    Tilly

  5. Ci vogliono persone straordinarie… per accogliere bambini straordinari…
    Le adozioni dovrebbero essere più rapide e più frequenti…
    michele8

  6. X Anna, Lucia e Tilly:
    Grazie tante di leggerci sempre, di apprezzare tutto ciò che Michele ed io andiamo raccontando. Come appunto dice Michele l’adozione é per persone straordinarie e speciali che sanno regalare amore a chi ancora non lo conosce, con coraggio e la grande voglia di “dare”, straordinarie appunto; le formalità dovrebbero essere più snelle e meno estenuanti.
    Un abbraccio a tutti.
    Sandra

  7. La favola ha una morale magnifica perché si basa sull’affetto di una famiglia unita. Sempre belle le storie di sandra e michele! 5 stelle e tanti baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *