Alle mie ragazze

Adoro chiamarle così

le mie betulle,

ormai ingiallite

e impoverite

della loro folta chioma.

Non ho ancora tolto

il tappeto disteso

sotto i loro fusti esili

e argentati, a volte luccicanti,

dopo i temporali.

Qualche squarcio di sole

ha tinteggiato le foglie,

dal verde, al giallo e infine

al marrone,

ma l’erba…,

è ancora verde e nel

mezzo,

una macchia rossa,

la palla di Benny.

Fra i rami quasi spogli

i merli trovano riposo

e saltellano

in quel gioco rituale che amo

osservare.

Anch’io ero lì,

un attimo fa,

ma sono già qui

al calduccio

e osservo la vita

dalla vetrata,

incantata.

16 pensieri su “Alle mie ragazze”

  1. Suggestiva questa lettura che traspone in poesia una pagina di vita autunnale.
    Aver visto l’angolo delle betulle, aver giocato con Benny, aver ammirato quel giardino curato in ogni particolare che ammiri dalla vetrata mentre scrivi, mi scrivi, ci scrivi, dà a questa lirica un respiro particolare di consuetudini descritte mirabilmente, dipinte con pennello impressionista e presentate a chi legge con quel distacco che offre poi alla lettura altrui la possibilità di comprendere, partecipare, condividere.
    Tutto ciò, a mio giudizio, è il fine dell’arte e della poesia in particolare.
    Ciao.
    anna

    5 st.

  2. E’ bello quando dici “betulle”, e poi tutto si colora di colori, il rituale che ne viene.

  3. X Anna
    Grazie Anna. Fra le pennellate aggiungerei che L’Autunno, bellissimo per i suoi colori, è nel suo insieme, “nostalgico” e forse, almeno per me, fra tutte le stagioni, è quello che rappresenta di più “lo scorrere della vita”.
    Un abbraccio.
    Sandra

  4. X Maren
    Grazie del passaggio di lettura. Il boschetto di betulle è il mio orgoglio. Arrivarono in novembre alte e scheletriche e le ho viste “nude e vestite” nei passaggi di stagione. Bellissime.
    Un saluto.
    Sandra

    X Simone Rossetto
    Quel tappeto va tolto, caro Simone, lo impone il respiro della vita, della terra. A momenti l’Inverno farà da padrone, bagnerà quell’erba ancora verde, poi, con l’arrivo della nuova Primavera, tutto tornerà in fiore.
    Adesso l’Autunno ci regala questi colori tinteggiati di arancio e giallo, che sono stupendi per la mente e per gli occhi.
    E’ un ripetersi che ogni anno riassaporo e rivivo.
    Un sorriso.
    Sandra

  5. Anch’io vedo nell’autunno un fascino particolare e non solo perché vivo in questa stagione della vita.
    Da sempre penso a questo periodo come a quello in cui il chicco di grano si accomoda nel soffice letto di terra e si prepara al lungo sonno invernale per poter rigenerarsi e rinascesere a primavera.
    L’autunno è fondamentale alla vita, momento di pausa, di riflessione, di valutazione, di memoria, di presa di distanze, di riscoperta dell’essenziale.
    E’ una stagione bellissima.
    anna

  6. Sembra di respirare gli odori dell’autunno nel tuo giardino… che bella…

  7. Ciao Sandra,
    questa poesia è un bellissimo ritratto della natura, che tutti dovremmo fermarci ad osservare con più attenzione.
    Tanti complimenti e 5 stelle.

  8. X Anna
    ….non a caso il mio libro di poesie s’intitola “Una Donna in Autunno”.
    Un bacio.
    Sandra

    Greta
    Lusingata. Grazie e un caro saluto.
    Sandra

  9. L’autunno è la stagione che meglio mi si addice anche se poi effettivamente preferisco la primavera perché è la più grande portatrice di speranza… 🙂
    L’autunno descritto come una grande pittrice di impressioni…
    Un abbraccio che circonda

  10. X Giuseppeantonio
    Sono pienamente d’accordo con te. Anch’io amo la Primavera, da sempre, perchè è la vita che rinasce, tuttavia l’Autunno è quello che ho descritto. Grazie per l’abbraccio e per esserci.
    Sandra

  11. Sono entrata per caso in questo sito, e la prima cosa che ho letto è stata la tua poesia: mi ha colpito, perché io adoro le betulle. E’ l’albero che preferisco, trovo che non ci sia suono più dolce, in natura di quello prodotto dal vento tra le sue foglie; e poi in autunno le betulle sono straordinarie, come la tua poesia, veramente dolce e realista nel descrivere questo spaccato di autunno.

  12. X June

    Ti ringrazio del passaggio di lettura e dell’apprezzamento. Il boschetto di betulle è il mio orgoglio, in autunno metà verde, metà gialle, i merli ci fanno l’altalena all’interno, è un quadro che fa semplicemente apprezzare la vita.
    Un caro saluto.
    Sandra

  13. Una volta le ho sentite parlare fra di loro.
    Il fruscio delle foglie le faceva conversare animatamente come donne al mercato.
    Belle betulle belle…
    E che dire alla prima della classe….
    Grazie di esistere 🙂

  14. X Folletto

    Le Donne al mercato portano la Vita sulla tavola, e quasi tutte, come le Betulle, sanno contare le Stelle nel cielo.
    Grazie.
    Un caro saluto.
    Sandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *