Prigione di passione

I tuoi occhi provocano,
conosco quello sguardo.

Mi stai tentando.

Non mi chiederai nulla,
agirai d’impulso.

Mi stai toccando.

Sei egoista e narcisista,
pensi solo a te stesso.

Mi stai immobilizzando.

In questo momento mi desideri,
sei estemporaneo: lo sei sempre stato.

Mi stai stringendo.

Fingo di non volere,
ma è ciò che più desidero.

Mi stai spogliando.

I nostri corpi diventano uno,
i nostri cuori battono all’unisono.

Mi stai avendo.

A tuo modo mi stai amando,
questo lo sento,
ma non è lo stesso amore
che provo io…

Mi stai baciando
e al contempo
mi stai lasciando.

6 pensieri su “Prigione di passione”

  1. Quale differenza passa tra chi ama e chi viene amato?
    Sempre di amore si parla, ma un oceano si pone come cesura tra queste due idee.
    Ciao, Roberta, ti leggo sempre con piacere.
    anna

    5 st.

  2. Quando si ama una persona e si è amati dalla stessa, i sentimenti sono liberi di esprimersi e di affermarsi, perchè alimentandosi a vicenda si rafforzano e donano pienezza a chi li vive.
    Quando invece si ama una persona che sa di essere amata, ma che non prova gli stessi sentimenti, il cuore, che vorrebbere esplodere i suoi battiti, si trova rinchiuso in una cella dorata. Dietro invisibili sbarre di ossessioni amorose, le emozioni sono schiave. I sentimenti implodono nella loro prigionia; riescono ad appagare nel breve solo quando l’infuocata attrazione fra i corpi diventa incandescente e incontrollabile.
    Questo però non è vero amore… l’Amore per essere tale, va sentito e vissuto da entrambi con un’intesità che coinvolge e travolge corpo e spirito.
    Un grazie per aver apprezzato ed un saluto ad Anna e Sandra.

  3. Molto molto bella.
    La leggo come una lirica di un amore imperfetto, semplicemente perchè non equamente condiviso.
    Ma la profondità della “tua” parte d’amore è notevole.
    Complimenti e 5 stelle.
    Ciao. QS-TANZ.

  4. Vorrei, con le corde della mia lira, poter musicare i dolci suoni di quel melodioso bisogno che ho di amare: c’è chi mi sta ascoltando, ma è evidente che non sente l’armonia delle mie più profonde note….
    Grazie Qs_Tanz per la lettura ed il commento.

  5. AVVISO al BRIGANTE che pubblica (devo anche dire dove e segnalare la pagina oppure la smetti e ti dedichi ad altra attività?) come suoi i commenti che appaiono su http://www.raccontioltre.it:
    Non è che se vai indietro con gli anni e cambi autore, ti liberi dall’accusa di furto e plagio.
    Se sfogli le pagine di questo sito per copiare, significa che stai entrando nel sito e leggi anche tutte le nostre rimostranze.
    Non affascini le tue galline fingendoti poeta.
    E nemo ti ricostruisci una verginità intellettuale copiando.
    Roberta Gambi è l’indiscussa autrice dei pensieri di cui ti sei accaparrato questa volta!
    Racconti Oltre è un luogo serio di gente perbene che NON copia!
    Il commento originale è di Roberta Gambi e risale al 2 marzo 2010.
    Vediamo se la capisci…
    Anna Maria Folchini Stabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *