In fuga dall’oblio

Il riflusso d’un sospiro

che scoda, ventricola e poi rincula

e resta lì, a puntellarsi in petto.

Non solo per me

custodirò quei ricordi

che m’annegano le mani.

Solo il tempo di chiedere

la pioggia

troppo bassa e meschina

per inumidire il sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *