Is Arutas

Pomeriggio al mare

camminando scalza

sull’arenile insolito,

miracolo naturale

di miliardi di granelli di quarzo,

come manciate di riso,

fioriti da millenni di mutazioni geologiche.

 

Andare lento

tra l’andirivieni dell’onda,

sospinta dal soffio di maestrale

con solo un gabbiano

fermo nel vento.

 

Un brivido primordiale mi scuote.

 

Ecco l’abbraccio

della Natura Madre

che ritrova sua figlia.

5 pensieri su “Is Arutas”

  1. So bene di quali sensazioni parli, per il resto non ci sono parole…
    5 S e un abbraccio Luxia

  2. La Sardegna la si porta nel cuore per sempre. Il mare è uno dei più belli del Mondo, le spiagge poi…, sono in certi punti, ancora selvagge.
    Carissima, le tue sensazioni sono arrivate al cuore e alla mente per rinfrescare sensazioni accantonate ma mai dimenticate.
    A presto vederci.
    5 st.
    Sandra

  3. Ciao Anna,
    con questa tua poesia mi sono sentita anch’io abbracciare dalla natura.
    Come sempre, complimenti e 5 stelle.

  4. Se esiste il mal d’Africa, esiste anche il mal di Sardegna.
    Vista una volta non la si dimentica più e non per i luoghi modaioli, ma per la fierezza e la bellezza di paesaggi unici e concentrati in uno spazio limitato.
    Is Arutas, poi, bianca e vuota di gente, in una giornata di vento riconduce ai primordi.
    Un abbraccio, carissime, e grazie per la vostra lettura.
    anna

  5. Sono da poco tornato a Verona dopo un mese (maggio) passato tra Is Arutas, torre Seu San Giovanni di Sinis, ho passeggiato per ore lungo la costa solo con la compagnia degli animali che vivono in quei posti, che meraviglia, in alcuni momenti mi guardavo intorno e mi sembrava di sognare.
    Grazie per le tue parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *