Parole

Parole

per riconoscere tutto

per essere vivi

per avere un posto.

 

Parole

per raccontare un’idea

per passare pensieri

per parlare d’amore.

 

Parola

come all’Inizio

per essere uomini

con le nostre parole.

9 pensieri su “Parole”

  1. Parola: una danza lenta, sfrenata, una musica dolce, assordante, da delirio, nel cammino di ieri e in quello misterioso del futuro.
    Brava. 5st.
    Sandra

  2. Con la magia delle parole tutto si può fare:
    esprimere, incantare, illudere, far sognare, raccontare, ricordare.
    L’intero mondo sta nelle parole e tutta la vita è racchiusa in esse.
    Questa poesia ne è la testimonianza.
    Brava Anna e 5 stelle.
    Ciao. QS-TANZ.

  3. Una parola può costruire un tutto, che sia un uomo, che sia un discorso, che sia una vita… ma può anche distruggerlo allo stesso tempo!
    5st.

  4. Davvero bella!
    Proprio ieri stavo facendo una riflessione sulla poesia e sulla sua capacità di trasmettere con le parole sensazioni che a volte penso di provare solo io… In particolare poesie dove esprimo malinconia, angoscia e che alle volte mi vergogno di dire, di scrivere… Ma da quando ho cominciato a scrivere in questo sito e ho avuto il coraggio di buttare fuori quello che sento, ho scoperto che non ero l’unica, e che c’erano altre persone come me che sentivano la stessa cosa e che in fondo insieme potevamo trovare una soluzione, avendo la possibilità di sfogarci attraverso i commenti.
    Ma anche quando sei in treno, in una sala d’attesa del medico, al mercato… la parola ha capacità di rompere quella barriera che si frappone tra due persone sconosciute, dando così quella piacevole sensazione invece di essersi da sempre conosciute, di essere amici da sempre…
    Un abbraccio!

  5. Come la creta la parola si modella sulle idee che escono dalla testa e dal cuore e più si è abili ed allenati più il risultato sarà un’opera straordinaria!… Bravissima!

  6. Ciao Anna,
    Le parole ci fanno riflettere, sorridere e anche sognare.
    E le parole di questa tua poesia conquistano il cuore.
    Tanti complimenti in compagnia di 5 stelle.

  7. Questa poesia è molto vicina al mio pensiero anche se io faccio un uso del tutto personalizzato e particolare delle parole.
    Altre volte però penso che non tutto è “trasmissibile” attraverso la parola, per questo io do un altissimo valore agli sguardi, scruto i gesti, le movenze. Poi se pensi che sono anche un “tipo” taciturno… ma ascoltare le parole altrui mi aiuta molto; si capiscono tantissime cose dell’animo umano.
    Di te ho notato forza, passione, determinazione e ovviamente una straordinaria grandezza nel tramettere “emozioni in rima”
    Un saluto
    Raf

  8. Quando ero bambina la prima cosa che mi hanno insegnato a scuola è che l’uomo è un animale, ma si distingue dagli altri per la parola.
    In effetti, pur non escludendo affatto che ogni essere vivente ha un suo modo per indendersi, gli esseri umani godono di questa capacità, la parola che permette di comunicare, cioè mettere in comune le idee in modo articolato, raffinato, sottile, ardito, allettante, piacevole, inequivocabile.
    Io apprezzo molto la vostra capacità di comunicare, di farmi ripensare, di portarmi ad addolcire alcuni lati spigolosi del mio modo di pensare e di dire.
    Le esperienze ci rendono quelli che siamo, ma gli incontri possono aggiungere sfumature al nostro carattere, al nostro modo di porci.
    Per me è stato così.
    Come più volte ho detto, sono arrivata a Racconti Oltre per caso.
    Volevo rileggere un racconto che aveva vinto un cospicuo premio in danaro in un concorso letterario a cui avevo partecipato senza successo e, secondo me, aveva vinto a torto, perchè il vincitore aveva prodotto un testo zeppo di errori e insignificante per il contenuto. Ero indignata e ho sempre continuato a chiedermi quale ubriaco lo avesse giudicato meritevole.
    Sul sito di quei tizi che avevano organizzato il concorso c’erano dei link ad alcuni siti letterari.
    Curiosa li ho visti tutti e seguiti per un po’ per vedere cosa appariva sul web.
    Ho cominciato a leggere i testi di Sandra e poi di altri e ho preso il coraggio e ho cominciato a pubblicare i miei (non lo avevo mai fatto in internet).
    Di questo sito, come dice Ligeja, mi ha colpito la semplicità, la partecipazione, l’esserci dei suoi frequentatori, anche il coraggio di dissentire e soprattutto la capacità d’ascoltarsi spesso anche senza dare a vedere.
    I commenti nostri non sono avvinghiati e limitati all’esposizione, (io talvolta lo faccio, ma non potrei evitarlo essendo quella che sono e sapete che non è mai per cattiveria, ma per ovvia evidenza), ma sono carichi di partecipazione.
    E la poesia, il racconto, la parola cosa sono se non sentimenti, idee, eventi tradotti in parole?
    Un abbraccio a tutti voi e grazie per la vostra grande umanità che è lì e so che c’è anche quando silenziosi leggete e meditate.
    Grazie
    anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *