Riflessioni notturne

A volte si passa più tempo a soffermarsi su tutti i problemi che riguardano la nostra vita, piuttosto che a vivere davvero. talvolta si è troppo presi dai nostri dispiaceri e dalle nostre paranoie che non si riesce a godersi gli attimi migliori che la vita ci riserva.A volte mi capita di fermarmi e guardare ciò che abbiamo fatto e cio che abbiamo vissuto e ci si acccorge che forse si passa più tempo a preoccuparsi di cose futili piuttosto che impegnarsi su ciò che effettivamente si vuole dalla vita.

Mi è capitato di chiedermi se effettivamente sono contenta di quello che ho e posso dire con sincerità che non sono sicura di esserne felice.

Vorrei poter avere tante cose, desidero per me pace e serenità, un futuro sul quale poter basare la mia esistenza, ma non sò se sarò capace di creare ciò di cui necessito.

Più passa il tempo e più mi accorgo che aprendo le mie mani non trovo niente al quale aggrapparmi, non trovo nulla sul quale affidarmi, sento attorno a me il silenzo di una esistenza vuota e talvolta monotona.

Mi sono ripromessa migliaia di volte che da domani tutto sarà diverso e quel domani non è ancora arrivato.

Forse effettivamente dovrei chiedermi cosa voglio dalla vita perchè non riesco ad immaginare il mio futuro, non riesco a focalizzare ciò che potrebbe accadere.

Una casa, un matrimonio, una famiglia tante cose mi piacerebbero ma oltre al dubbio sul fatto del se riuscirò a realizzarle, in me si annidano anche altri pensieri, voglio davvero quello che desidero, riuscirò mai a staccarmi da quello che ho per cominciare un nuovo futuro?

Sinceramente non sò cosa mi riserverà il futuro ma di sicuro nel mio momento non vorrò pentirmi di quello che ho fatto, pentirmi di cio che sono, pentirmi di quello che ho ottenuto dalla vita.

Ed è per questo che a volte passo il tempo a perdermi in quelle cose futili alle quali non dovrei pensare, forse perchè una vita senza problemi è una vita che non viene vissuta affatto.

 

6 pensieri su “Riflessioni notturne”

  1. Nel leggerti mi sembra di capire che i tuoi anni sono ancora verdi; penso che se tu fossi innamorata ti staccheresti dal tuo presente per andare incontro al futuro senza fatica e senza tanti giochi mentali. Comunque se scrivi ti farà molto bene e a noi il piacere di leggerti.
    Ciao. sandra

  2. Sono senza parole…in questa serata triste per me, trovo le tue riflessioni il mio vestito… nessuno avrebbe potuto leggermi dentro così bene.. mal comune, niente gaudio… cuore a pezzi e tanta paura…
    Un abbraccio

  3. Guarda, anch’io sto vivendo un periodo di esagerata riflessione sugli avvenimenti che mi circondano; è come essersi arrampicati per anni su una montagna senza mai essersi guardati indietro pensando solo al fatto che più si saliva più si era certi di far bene… poi arrivi in cima, ti volti e capisci che forse potevi arrampicarti più lentamente, magari a volte fermarti o prendere strade diverse per arrivare alla vetta e che magari le persone con cui sei arrivata in cima non sono le stesse con cui sei partita… e allora ti fermi, ti siedi e non riesci più a rialzarti, per paura di sbagliare ancora, o per paura che la vetta non sia la tua vera meta.
    Una cosa sola puoi fare, alzarti allacciare gli scarponi e camminare sulle nuvole!!!
    La vita non è fatta di mete, ma di infiniti viaggi che puoi fare solo vivendo le giornate come tu desideri siano vissute!!

    Luca

    P.S. scusa per la grammatica spero diaver reso l’idea.

  4. strano….le vite, così uniche e diverse alla fine si riducono negli stessi pensieri, nelle stesse speranze e nelle stesse paure…è una consolazione sapere di non essere soli ed è bello trovare persone con cui poter condividere tutto ciò!

  5. sembra di sentire un’anima che ti sfiora quando ti leggo, quando ti esprimi è sorprendete la tua capacità di toccare il cuore! forse perchè ne hai uno immenso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *