Consigli a un giovane scrittore – Vincenzo Cerami

consigli-ad-un-giovane-scrittore.jpgVincenzo Cerami, grande narratore, sceneggiatore, librettista e drammaturgo, in questo libro, introduce il lettore ai segreti dell’arte narrativa analizzando gli strumenti, i materiali, i trucchi e le leggi necessarie a costruire emozioni.

Partendo dalla sua esperienza, con un linguaggio semplice e chiaro, individua i meccanismi della struttura narrativa, del colpo di scena, della creazione di uno stile, le tecniche per costruire dialoghi convincenti. Tenendo sempre presente i quattro diversi linguaggi (la letteratura, il cinema, il teatro, la radio) a cui bisogna necessariamente attenersi, perché ognuno di essi ha le sue peculiarità. La letteratura è scrittura fine a se stessa; il teatro è scrittura tridimensionale destinata alla scena; il cinema è scrittura bidimensionale per la macchina da presa; e la fiction radiofonica è strutturata totalmente sull’organo dell’udito.

L’autore quindi, si concentra su queste differenti tecniche espressive, analizzandole e confrontandole tra loro, perché: “Chi scrive dovrebbe da un lato avere una profonda conoscenza e coscienza dei diversi linguaggi e dall’altro non dimenticare mai di evocare le dimensioni che ogni linguaggio costituzionalmente esclude”.

Vuoi acquistare il Libro su Amazon? Clicca qui:
Consigli a un giovane scrittore – Vincenzo Cerami

2 pensieri su “Consigli a un giovane scrittore – Vincenzo Cerami”

  1. Davvero un bel libro… ricco di tantissime riflessioni utili sia a chi vuole migliorare la sua scrittura, sia per coloro che desiderano conoscere più a fondo i segreti della narrazione per diventare dei lettori più consapevoli… lo consiglio a tutti!

  2. Libro apparentemente esaustivo, che traccia solo in grandi linee le tematiche proposte, senza approfondire alcuna in modo completo ed efficace. D’altronde, in meno di 200 pagine, non si può dire tutto sulla scrittura. Sarebbe stato più utile, secondo me, trattare separatamente il racconto breve ed il romanzo, il teatro (la piece) ed il cinema. Ecco, ci vorrebbero dei volumi distinti per generi letterari. Nonostante ciò, il libro aiuta abbastanza i novelli scrittori(ni), spiegando con esempi concreti i concetti base. Voto 7.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *