Gli egocentrici

Così anche oggi avevo un motivo per eclissarmi e sparire sotto il peso del piumone blu senza provocare il minimo fastidio nè rumore. Di nuovo. Si tratta di lasciarsi andare e mirare verso il centro del pensiero, dove nessuno può arrivare facilmente se non attraversando quello che è il mare impetuoso del tuo silenzio. Ci sono giorni come questi che sembra tutto più calmo e incrociando la solitudine degli altri abitanti di questo stupido Pianeta Terra, ci rendiamo conto che non ha senso sentirsi così vuoti quando è evidente che siamo vuoti a perdere, tutti. Gli unici vuoti a rendere che rendono davvero non sono contemplati nella vasta gamma delle presenze. Ora. Ogni tanto il sole passa anche di qui e dalla tapparella dell’unica finestra filtra quella luce fastidiosa di un martedì mattina unico, per fortuna. Ora. L’innocenza delle parole viene violata ad ogni battito e poco importa se scrivi per un uomo, per una donna o per te stesso.

L’egocentrico se ne stava seduto con il suo telefono ben in vista  e le donne lo circondavano riempiendolo di attenzioni.  A chi importa di te e della tua bravura quando hai mal di testa e non hai nessuno che ti dica una parola sincera, non per ottenere qualcosa? Un Aulin in quei casi è la cosa più importante da dare e da ricevere, tanto evidente quanto banale. Evitando di dire “Prego” con lo sguardo quando l’unica cosa che mi viene da dire è “Grazie”. Invece le parole le diamo  in pasto ai cani, ai critici e agli intenditori che in realtà non hanno capito niente di quello che intendiamo dire.

L’egocentrica come l’egocentrico se ne sta seduta in pigiama di fronte alla finestra dalla quale si intravede l’orologio del Comune e l’asse attrezzato. Così le vengono in mente frasi già dette e scritte milioni di volte, più qualche altra piccola perla di saggezza da sussurrare all’orecchio dell’amante in un momento di intimità, per farsi notare. Non è di certo molto diversa dal resto della marmaglia eppure si illude. Puoi rubarmi tutto quello di cui hai bisogno e non restituirmelo mai, sai di rubarmi l’innocenza dei miei scritti e dei pensieri molto prima che io stessa mi decida a imprimerli nelle pagine di un vecchio quaderno a righe che in un cassetto mi aspettano e chiamano. Non chiamano me nè te nè lei nè voi ma chiamano chi ha ancora qualcosa da dire e il coraggio di dirlo senza censure. Nel cuore della notte, stanotte o forse anche ieri notte, ho smesso di temere di violare ogni idea che mi sfiora, nel momento meno opportuno. Ho visto le auto incolonnate e ho immaginato queste stesse parole prendere forma in ognuno di quei soggetti lì fuori alla guida. Con le parole posso crearti e tenerti stretto qui, lontano. Davanti a questo caffè starò attenta a non tradirmi e a non guardarti, per il bisogno di non saperti altrove.

6 pensieri su “Gli egocentrici”

  1. Mi è piaciuta l’idea degli egocentrismi che si incontrano e non sanno riconoscersi, pur specchiandosi nella stessa parola: egoismo.
    anna

  2. Noto in questo tuo racconto una situazione.
    Sai…….
    Non è facile, ma si riesce il sole splende se vuoi anche dentro di noi.
    Lascia che la luce entri dalla tua finestra e non sia costretta ad insinuarsi da una piccola fessura.
    Riempiti di energia che il pianeta ci dona, stai fuori e la natura farà tutto il resto.
    Non ti chiudere mai da nessuna parte…
    Scrivi bene, sei difficile (per me) da leggere ma voglio impararti 🙂 ti chiedo di continuare…
    Grazie.

  3. @ anna: E due egoismi sono anche troppi, ne basterebbe metà per uno. Buone feste!
    @ Folletto: Io sono come una farfalla, vago libera ovunque mi porti il vento ma quando si ha la mente trafitta dal sole e da mille pensieri, alla mia “tenera” età, anche stando fuori si rischia di finire per vedere solo ciò che ferisce. Continuerò, perchè non riesco a interrompere questo flusso emozionale. Buone feste anche a te!
    @ Sandra: Grazie, come sempre, per la lettura dei miei brani.

  4. Mi ha colpito la tua bravura nello scrivere, soprattutto se la si rapporta alla tua “tenera” età (come dici tu). Il mio primo e più spontaneo commento è stato: “sicuramente a 22 anni non sarei mai stato capace di scrivere così”.
    Penso che la tua sensibilità, quando sarà completata da più vita vissuta e quando l’egocentrismo sarà un lontano ricordo, ti permetterà di scrivere qualcosa di importante. Spero di poterlo leggere.

    5 Stelle

  5. Io, Patrizio, non posso far altro che dirti che ho sorriso nel leggere questo commento. Perchè ogni tanto mi fa piacere godermi un apprezzamento, sentendomi orgogliosa di me, e ti ringrazio per le tue parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *