Cielo viola della sera

Cos’è quella faccia beffarda
nel cielo viola della sera?
Immobile, là in alto, mi guarda,
nuvola rosata, mi scruta severa.

Occhi cattivi, che mettono disagio,
incombono su me. Un tetro presagio?
Tacciono i merli e le cicale.
Cade un silenzio surreale.

Nel cielo viola della sera
vedo riflesso il mio stato emotivo,
incombe lontana una nuvola nera,
eco di qualche disagio in arrivo?

Arriva uno sbuffo, un soffio di brezza
che danza lassù, poi scende e m’accarezza.
Mi cinge la spalla una mano di vento.
Ritorno leggero, scompare il tormento.

Quel soffio deforma la nuvola scura,
guardo lassù, è mutata la faccia:
gli occhi burloni, mi fa una linguaccia.
Torna chiassosa, di voci, la natura.

Nel cielo viola della sera
mi guarda una nuvola alta e leggera.
Io qui sotto, che imparo la lezione,
mostro la lingua ad ogni preoccupazione.

Un pensiero su “Cielo viola della sera”

  1. L’ho trovata ironica e divertente, ed in fondo mi ribadisce quello che è il mio motto, ovvero: Don’t worry, be happy”, perchè le difficoltà devono essere affrontate sempre con razionalità.
    5s Luxia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *