Vuoto

Ho l’anima strappata
e ferite invisibili mi invadono il corpo.
Tutto intorno è vuoto.

C’è un velo azzurro sui miei occhi
che con lo stesso colore del tuo sguardo
mi impedisce di vedere al di là.

Però è qui che voglio stare
a rivederti ancora con la mente
mentre cammini fiero al mio fragile fianco

ed io che alzo lo sguardo
segnando il tuo profilo
faccio oscillare il cuore a riempirlo

e poi colmarlo ancora e ancora
di ogni istante lieto messo in serbo
come instancabile formica.

Adesso il vuoto è denso
ma manchi già ai miei giorni
e manchi già al mio respiro.

11 pensieri su “Vuoto”

  1. Il distacco, l’assenza, il rammarico e la consapevolezza della mancanza incolmabile, quando qualcosa che ha riempito la vita finisce, diventano la consapevolezza che niente sarà più come prima.
    E si concretizza anche la certezza che la vita continua, nonostante tutto e nonostante il desiderio di fermare gli attimi e fare finta di nulla.
    Hai scritto una bella poesia che rende appieno quei momenti infiniti in cui la tristezza cammina al fianco di chi soffre.
    Ciao
    anna

    5 st.

  2. Si percepisce molta sofferenza e tristezza. Spero tanto che quella piccola formica continui a lavorare per sè alla ricerca di un raggio di sole.
    5st. e un saluto.
    sandra

  3. Molto bella Luxia.
    Ho percepito un’eleganza non comune in questa poesia;
    e penso che parlare di tristezza con tale grazia sia una qualità poco frequente.
    Brava, 5 stelle ed auguri per un veloce ritrovo della serenità.
    Ciao. QS-TANZ.

  4. Grazie ad Anna Sandra e QS-Tanz, sono rimasta sorpresa di trovare questa poesia sul sito perchè avevo cominciato ad inserirla ma forse distratta da altro pensavo di non aver finito la procedura,
    invece eccola lì.
    Piacevole sorpresa.
    E’ una poesia che ha partecipato ad un concorso ma che non si è meritata neppure un “grazie per la partecipazione”, quindi tutti i complimenti sono incoraggianti, però ho notato che chi scrive ha spesso un’interpretazione diversa da chi legge.
    E’ vero, ci si può leggere la tristezza per una perdita, ma il mio intento era, si, di pensare che inesorabilmente questo accadrà prima o poi nel mio cammino, ma proprio per questo è meglio godere appieno di quell’attimo di grazia e custodirlo gelosamente.
    A presto Luxia

  5. A noi la poesia è piaciuta molto.
    Non sempre i concorsi vanno a buon fine e non sempre c’è la cortesia di una comunicazione.
    Non amareggiarti.
    Succede molto spesso.
    anna

  6. Una poesia dove si avverte tanta tristezza, ma molto bella.
    Complimenti e 5 stelle.

  7. E’ molto bella. La sensazione di annientamento della prima strofa e la struggente malinconia dell’ultima si amalgamano in modo insolito, originale, con la tenacia paziente delle strofe centrali. Almeno questa è la mia interpretazione. Complimenti e 5 stelle! Ciao!

  8. Io non ho il vostro dono di scrivere poesie così belle… però ho il piacere di leggerle, questa mi ha toccato veramente il cuore!!!
    E la prima strofa è veramente quello che provo in questo momento!!!
    Complimenti 5 stelle!!!

  9. Mi sono venute in mente la mia nonna e la mia mamma, leggendo questi versi…
    Complimenti a 5 stelle!!!!
    Gaia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *