Senza Maschera

Dietro ogni maschera un viso,

uno sguardo di ghiaccio

una bocca serrata,

dietro la maschera

nessun colore,

finti sorrisi

lacrime pronte

senza dolore.

Scivola lentamente

la maschera da ogni viso,

un brivido caldo penetra il corpo

infuoca lo sguardo

accende un sorriso,

ogni sua ruga racconta una storia,

molti insuccessi

o una piccola gloria.

Mai rinuncerò a queste emozioni,

amatemi odiatemi

comprendetemi se potete…

ma non porterò mai una maschera…

sono così come mi vedete.

6 pensieri su “Senza Maschera”

  1. Essere o essere altro?
    Domanda suggestiva che per alcuni non ha mai risposta.
    Essere se stessi è, invece e a mio parere, l’unica risposta possibile, perchè cancellare animi, dolori, affetti, esperienza è come fuggire dalla vita stessa che rende unici.
    Bellissima.
    anna

    5 st.

  2. Ciao Grazia, ben tornata!!!
    Sei tornata con una poesia bellissima.
    E’ vero ciò che dici, la maschera è un “accessorio” per alcuni indispensabile per altri, odioso.
    Mi viene da dire che bisognerebbe prevederne l’uso solo in situazioni limite.
    E’ un piacere leggerti.
    Brava e 5 stelle. QS-TANZ.

  3. Non è da tutti riuscire ad essere quelli che siamo, o meglio, è difficile far vedere agli altri le nostre fragilità perchè in tal modo siamo molto più vulnerabili e come dire…, senza nessuna protezione, allo stesso modo, per le gioie, perchè possono provocare invidie. Ma chi ha il coraggio di mostrarsi al Mondo per come è, probabilmente ha pure un’ottima autodifesa.
    Molto bella.
    5 st.
    Sandra

  4. Dico sempre che chi mi vuole bene deve accettarmi per quel che sono, con i miei pregi e con i miei difetti.
    Complimenti per questa bella lirica e 5 stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *