Mentre ti guardo

La tua voce indecisa mi colpisce

La tua faccia preoccupata mi ferisce

I tuoi gesti impacciati

mi fanno tremare dentro

Così indifeso non ti avevo visto mai

sembri più piccolo

e mi ritorni in mente:

la tua manina stretta nella mia

Ma ora noto il tuo braccio muscoloso d’uomo

la linea del deltoide mentre stringi il pugno

Ho così paura!

Mi sorridi

Il mio ricordo è il tuo

Stringimi la mano

5 pensieri su “Mentre ti guardo”

  1. Crescono…
    Si incamminano su strade loro…
    Ma torneranno sempre dando senso a quel rapporto unico ed esclusivo.
    Un abbraccio, carissima,
    anna

    5 st.

  2. E’ incredibile…. li accudisci…e poi ad un tratto qualcosa cambia e ti ritrovi dal bimbo al ragazzo e capisci lo scorrere del tempo….
    Ma loro saranno sempre i nostri cuccioli.
    Molto bella. 5st.
    Sandra

  3. E’ il passaggio obbligato di tutti i figli e dei loro genitori.
    Lo hai narrato con sincerità ed attenzione.
    Brava Tilly!.
    5 stelle e Buona Pasqua.
    QS-TANZ.

  4. Vi ringrazio per i commenti, e vi dirò che sono sorpresa di scoprire che abbiate tutti pensato che fosse dedicata a mio figlio.
    Ho scritto questa poesia per mio fratello, ha avuto un piccolo incidente qualche mese fa, e ho temuto per lui. Caspita! Questo vuol dire che traspare un amore materno per lui.
    Devo riflettere su questo pensiero.
    Vi bacio tutti……. e grazie ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *