Eppure ce vòle

Tanto se parla

tanto se scrive

de giorno de notte

de Muse se vive

e nessuno s’azzarda

a toccà l’argomento

de quanno te scappa

ner peggio momento.

 

E’ ‘ntema diverso

‘ntema che scotta

o mejo che, puzza

quanno che sbotta

eppure ce vòle

te senti più mejo

te senti svotato

de tutto er bagajo.

 

Nun’arrossite

nu ‘nve scansate

pensate piuttosto

a quante ne fate

pure le monache

preti e scenziati

poeti, dottori

pezzenti e malati

 

quanno che fanno

quer rumorino

se senteno mejo

drento er pancino.

3 pensieri su “Eppure ce vòle”

  1. Tutti uguali, mi diceva un amico Romano.
    Aooo, in stà vita, quello che non t’entra n’testa, t’entra per er c…!!
    Molto vero, quello che non capisci te lo pii en saccoccia…
    Molto vero….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *