L’inganno

I rumori

d’aiuto

d’altri uomini soli

hanno messo in fuga la mia mente,

che cerca un teatro

vuoto

in cui declamare

il suo monologo.

 

La mia anima

si è segretamente rifugiata

in una buia fortezza,

per non vedere

la triste sorte delle sue sorelle

morenti.

 

I pianti delle affollate vie della città

hanno spinto lontano

il mio spirito,

che si è arrampicato sulla cima di un monte

per concentrarsi su sé stesso

e conservarsi integro,

lontano dagli strazi.

 

Così, adesso,

Io mi ritrovo in questo sentiero solitario

dove mi diceva che avrei incontrato

Tranquillità

e invece

incontro sempre e

solo

me stessa.

 

Sì, mi ha ingannato,

l’attraente corteggiatore

di ogni anima in pena,

che tormentata da se stessa

non vuol soffrire anche per gli altri.

Sì, l’ho sposato

quel malvagio incantatore:

Egoismo.

6 pensieri su “L’inganno”

  1. La trovo bellissima. Molto spesso però e fortunatamente, viene soppresso da un altro compagno, a volte forse un po’ nascosto, ma potente: Coraggio.
    5 st.
    un saluto.
    sandra

  2. Non so se sia proprio l’egoismo che suggerisce l’idea di staccare le proprie sorti da quelle di un mondo che non ci piace o piuttosto la ricerca di spazi tranquilli che sappiano garantire riservatezza e riparo dalla volgarità dominante.
    Una lirica che mi fa pensare, perchè anch’io amo molto la vita solitaria se è l’unica condizione per salvarmi il cuore e la mente.
    Ciao
    anna

    5 st.

  3. Alle volte serve, io devo ancora imparare bene, ma serve staccare.
    Non è egoismo allo stato puro, sicuramente aiuta a ricaricarsi….
    Mi ha spiazzato “egoismo” finale.
    Messo lì da solo come per separarsene d’istinto..

  4. E’ una bellissima poesia, una riflessione molto intensa che in fondo in fondo ci fa scoprire che proprio egoisti non siamo…
    5 stelle anche per me!
    Ciao!

  5. Si cara Anna, anche io amo molto la vita solitaria. Ha ragione folletto, non è l’egoismo allo stato puro, o meglio non quello che comunemente si intende per egoismo, quello cattivo. E’ l’egoismo buono… perché in fondo in noi non c’è una distinzione così manichea tra bene e male, buono e cattivo. Ogni sentimento ha del bene e del male mescolati quasi inscindibilmente. In ogni rapporto umano serpeggiano sentimenti meschini e sentimenti nobili. Che si intrecciano, che a volte sopprimono gli altri come dice Sandra. Proprio da questa riflessione nasce la mia poesia e mi fa piacere che tu ligeja l’abbia trovata intensa. Grazie a tutti voi per la lettura, saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *