Pensieri gelati

Non scrivo parole

leggere

nei momenti d’inverno

del cuore.

Ai giorni di sole,

felici,

alterno pensieri

gelati

come lastre di bianco cristallo

su cui scivolano anni

di vita.

Faccio conti che non tornano mai,

penso al dato, all’avuto,

al potrei…

Mi soffermo su gesti,

parole…

e tornare vorrei

un po’ indietro

evitando salite e pantani,

giornate di vento furioso.

Vorrei solo pensare

di meno,

sospendere il tempo

e l’affanno.

Vorrei solo camminare

nel sole

e rifare tutto

daccapo.

11 pensieri su “Pensieri gelati”

  1. Bellissima, la sento molto vicino a me, quasi come un vestito.
    Mi arriva così forte che, un po’, mi sembra di averla “scritta” anch’io.
    Voglio dire che mi sembrano parole davvero vicinissime al mio modo di “tirare le somme” con la vita.
    Veramente Anna, hai scritto una poesia eccellente, forse una delle tue migliori.
    Bravissima. Un salutone e 5 stelle. QS-TANZ.

  2. Bella, bella e bella cara Anna.
    Riflessioni profonde di chi vive profondamente.
    Complimenti sinceri

  3. Bellissima.
    Rifare tutto daccapo…, probabilmente, l’agire, sarebbe sempre lo stesso, carissima. Pensieri gelati, formulati da chi pensa troppo, da chi, continuamente si pone domande suggli affetti che ci circondano.
    Non torna mai il conto…, solo per il nostro cuore, che mai avrebbe agito diversamente.
    Un bacio.
    Sandra

  4. Che dire, cara Anna? Condivido!
    Come molti, come tutti temo, conosco bene i “momenti d’inverno del cuore” e so quanto possano essere dolorosi …..
    Chi non ha parole che vorrebbe non aver detto, gesti che invece avrebbe voluto fare ……conti che avrebbe voluto regolare con la vita?
    Ma …..l’oste si è già girato e si rivolge ad altri avventori appena giunti……
    Conviene uscire e tornare serene a casa, rimescolare il nostro mazzo di carte ed iniziare una nuova partita ….prima che arrivi la sera.
    5 stelle ….luminosissime.

  5. Esprime con chiarezza i momenti in cui mettiamo in discussione ciò che abbiamo o non abbiamo fatto .. e quello che avremmo potuto fare..
    E’ una profonda riflessione sul proprio operato e quello di chi ci circonda …
    E’ il momento di perdonare e perdonarci …
    🙂

    … Anche io vorrei rifare tutto a volte …….
    Un grande abbraccio

  6. Vorrei che tutte le tue riflessioni diventino realtà nell’istante in cui le scrivi.
    Vorrei esserci quando un giorno il sole saprà splendere solo per chi ce l’ha sempre avuto nel cuore.
    Il folletto si considerà il migliore sempre e comunque, ma tace quando legge quel che scrivi e preferisce passare da un bosco all’altro spiando le anime che percorrono i suoi territori.
    Davide s’inchina e impara..
    Grazie Anna…

  7. Cara Anna,
    condivido il tuoi desideri di pensare di meno e camminare nel sole. Nei momenti di inverno del cuore anche io vorrei evitare quelle salite faticose e quei pantani fastidiosi ma, come tu mi hai insegnato in una bellissima citazione (che purtroppo ricordo solo nel concetto ma non nelle esatte parole), bisogna cercare di pazientare ed attendere la primavera che certo non può essere lontana.
    5st di stima e affetto.
    Greta

  8. Che dire: è una poesia bellissima!
    Mi piace molto l’espressione “camminare nel sole”.
    Complimenti e 5 stelline tutte meritate.

  9. Ciao a tutti!
    Vi ringrazio del vostro affetto e del vostro apprezzamento.
    Leggo sempre con attenzione i vostri commenti e oggi ne sono molto lusingata.
    Mi piace se riesco a esprimere sentimenti condivisi e spero di riuscire sempre a farlo.
    Un abbraccio a tutti.
    anna

    p.s.:
    per Greta:
    E’ Shelly, Ode to the West Wind: “Se viene l’inverno può la primavera essere lontana?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *