Siamo Circondati dal Nulla

Quando pensiamo di sapere più degli altri.

Quando viviamo liberi da ogni emozione che ci spaventa.

Quando ci gustiamo un buon pranzo

senza voler pensare che è un fatto raro

per la maggior parte degli abitanti del pianeta.

Quando partecipiamo in maniera perfetta

alle discussioni che coinvolgono gli altri.

Quando ogni tre secondi muore il Cristo

dipinto sul volto di un giovane figlio della madre Terra.

Il male è una deficienza di bene,

in quanto tale divora se stesso.

Crediamoci tutti insieme

e il mondo sarà come ci fu consegnato all’inizio dei tempi.

10 pensieri su “Siamo Circondati dal Nulla”

  1. Chi vive di luoghi comuni e di frasi fatte è circondato dal nulla. Chi non è vuoto dentro non si sente circondato dal nulla. La verità è che c’è chi può e chi non può e chi non può passa la giornata a denigrare e sminuire chi può. E intanto chi può vive mentre gli altri si lasciano vivere….

  2. La vedo molto difficile caro folletto, perché l’essere umano è dotato di egoismo, superbia ed è altezzoso. Solo davanti al disastro si sofferma, ma giusto un attimo, ed è proprio in quell’attimo, che torna ad avere il volto umano, ma dura poco.
    Dobbiamo subire una grossa catostrofe per tornare ad essere Uomini veri? Non è ntelligente tutto questo.
    Grazie della riflessione. Un saluto a 5 punte.
    Sandra

  3. Gli uomini vivono “tutti insieme” e spesso se lo dimenticano.
    E’ per questo che precipitiamo “tutti insieme” nel nulla, perchè non ci preoccupiamo di chi ci sta a fianco.
    Le più splendide solitudini forse tolgono parte degli affanni, ma forse tolgono anche la capacità degli uomini di stringere relazioni scoprendo il meglio di ciò che sta nel cuore.
    Ciao
    anna

  4. Spogli la nostra coscienza Folletto, e senza mezzi termini ci poni davanti a difetti che potremmo avere praticamente tutti …..
    Tanti gli spunti di riflessione e tutti importanti …..
    Sei cresciuto amico mio e nei tuoi versi la tua nuova maturità si palesa chiaramente.
    Del sovrano del bosco rimane la speranza finale che non si vuole arrendere alla realtà quotidiana e, con l’invito alla solidarietà, ci indica una possibilità di miglioramento …..
    5 stelle

  5. Intendo rivelarvi che in questi giorni mi sono sentito snobbato per le risposte che non arrivavano, molto arrabbiato ho pensato più di una volta di inveire letteralmente contro di voi.
    Sono terribile quando lo faccio, vi avrei profondamente offeso.
    Conosco Letteralmente chi mi ha scritto e il mio intuito mi avrebbe guidato senza possibilità di sbaglio nel “vivo” di ognuno di voi.
    Ho saputo aspettare, quello che non sarebbe successo anni fa.
    Ho saputo aspettare mettendo a tacere il mio “diavolo” interiore.
    Me la sono molto presa quando Sandra non mi ha risposto e ha rimediato dicendomi che aveva la minestra da fare.
    Ci sto lavorando…
    Ci sto lavorando…
    Alle volte la mia coscienza soffre e questo mio sentimento sfocia in riflessioni forti..
    Sono così generiche da colpire per forza di cose ogni persona che legge.
    Sono così generiche da essere completamente personali.
    Vivo quello che non faccio per gli altri, come un vero difetto per me stesso.
    Ne sono convinto.
    Cerco nelle vostre parole un vero aiuto e mi dispiaccio moltissimo quando non lo fate.
    Quando “Merendero” non risponde mai, quando “Betta” non si fa sentire.
    Vi indico nel mio Cuore come i primi della classe e tengo al vostro riflettere sul mio scrivere.
    Non sono mai veramente sereno per colpa dei punti da me sopra scritti.
    Vi stimo e di riflesso agevolo la mia esistenza sapendo che sul pianeta vi sono persone di tale sensibilità.
    Scusate se mi sono dilungato ma avevo bisogno di farlo adesso, perchè adesso il mio stato d’animo me lo permette, poi chissà quanti temporali e tempeste dovrò percorrere nel mio essere..
    Grazie “IL FOLLETTO”
    Il più bravo di tutti 🙂

  6. Caro Folletto,
    tu salti di albero in albero, sei agile e sai essere presente in un luogo e immediatamente dopo, in altro.
    Io, purtroppo, no.
    Sei un po’ avaro di pazienza, ma non ti arrabbiare per la “lentezza”, che poi non è neanche troppa. Almeno personalmente, ma penso anche gli altri amici, non mancherei per nesuna cosa al mondo, di leggere il dispettoso del bosco e la sua ironia. A presto leggerci.
    sandra

  7. Caro folletto, anzitutto grazie per la profonda riflessione del tuo pensiero, che mette a nudo l’egoismo e la superficialità dell’essere umano, noi facciamo tutto secondo i nostri desideri e i nostri bisogni, spesso ci lamentiamo, e se qualcosa non è esattamente come l’avevamo programmata, ci sentiamo profondamente frustrati, e non vediamo, non vogliamo accorgerci che c’è un mondo attorno a noi di gente, che vive e soffre nel silenzio, senza un lamento, che si accontenta ogni giorno di quello che noi, forse, neanche valutiamo, perchè siamo troppo occupati a cercare sempre ciò che ci è irraggiungibile, e non vediamo accanto a noi ciò che ci farebbe felici. Poi volevo ringraziarti per tutte le volte che mi hai fatto i complimenti per le mie poesie, sei sempre stato molto gentile, ti chiedo scusa se non l’ho fatto prima ma ho preferito aspettare un tuo scritto. Ancora complimenti per la tua riflessione profonda ed intelligente. Un saluto da Betta.

  8. Grazie Sandra della considerazione che mi dai, ne sono sinceramente lusingato.
    Bettttttaaaaa????
    Il deserto.
    Il mare….
    Bettaa che mi scrive 🙂
    E come incontrare Beethoven il mio mito.
    Betta 🙂
    Grazie.
    Scrivimi ancora.

  9. Non sono niente e nessuno ma da parecchio tempo leggo… Mi piace molto questa disillusa analisi “dell’uomo” degli anni 2000. Che ha raggiunto traguardi magari solo sognati, dal punto di vista tecnologico e scientifico ma si è impoverito in modo imbarazzante di tutto quel bagaglio imperscrutabile che sono i sentimenti, la morale, la capacità anche solo di vedere l’altro… Però non è proprio così per tutti, il fatto di prendere atto di ciò è forse già un passo verso un futuro migliore, o almeno lo speriamo..
    ” il male è una deficenza di bene “, mi colpisce questa frase perchè mi piacerebbe fosse vera, in realtà, ahimè, non è proprio così!
    Bella ed intensa
    5st
    FRA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *