Tutti gli articoli di Matteo

Fuga

Fuggire dal nero occhio, stipato il crudele sintomo di terminal pazzia vaga nell’infinitesime dei rivoli curvanti al livello del suolo ponendosi all’istante, dove prima l’empio corridoio offriva speranza di fuga; penetra nelle carmi la punta crudele, un pungolo affilato di lima strazia intestini tranciati dall’arroganza del provocato dolo e lenta la pelle d’ebano inverdisce e … Continua la lettura di Fuga