Racconti e Storie

A mio padre

marzo 3rd, 2008

(Devo fare una premessa a chi avrá la gentilezza di leggere, questa é una lettera che non potró mai spedire, l´indirizzo del destinatario non esiste). Mi rivedo bambina seduta in salotto, cercavo di capire il mio torto, avevo fatto di sicuro qualcosa di brutto per essere stata punita così, ma quando e cosa non lo […]

Continua a leggere »

Il foglio bianco

marzo 1st, 2008

Me lo immagino, lì seduto alla sua scrivania con la luce del sole che penetra dalla finestra e la sua amante che lo aspetta: la macchina da scrivere. Perché lui non è come gli altri, non si è evoluto, non ha mai voluto accettare il cambio generazionale, il progresso. È rimasto fedele, o per lo […]

Continua a leggere »

Lettera alla Pace

febbraio 29th, 2008

Cara Pace, tu sei una parola di speranza, ma con un peso sulle spalle davvero sconvolgente. Nel tuo nome, molti ragazzi e padri di famiglia, hanno pagato il prezzo della propria vita, cercando di salvare quella di persone più deboli. Sono morti fra tanto chiasso, pianti, applauditi, elogiati con belle parole e fatti eroi. Giusto […]

Continua a leggere »

Cubo di Rubik

febbraio 18th, 2008

In Inghilterra, più precisamente a Hyde Park, in una calda domenica d’agosto, uno dei tanti uomini che s’improvvisano predicatori per qualche dozzina di minuti a settimana, fa un bel ragionamento dalla scarsa altezza del suo sgabello. In realtà non è uno sgabello, ma una piccola scala pieghevole che porta da casa, approfittando del fatto che […]

Continua a leggere »

Un continuo dejavù

febbraio 18th, 2008

Luca uscì tardi di casa, verso le 10.30. Indosso il bomber e il suo berretto, che ormai era diventato la sua seconda testa. Si incamminò verso i giardinetti, curvo sulle spalle e mani in tasca, avvolto dall’umidità dell’aria, che mista alla diossina creava una fuliggine corposa. Proseguiva a passo svelto, e quasi a ogni macchina […]

Continua a leggere »

Veramente, ho creduto di morire

febbraio 16th, 2008

28-01-08 Amato, caro, odiato, disprezzato, dimenticato, amante, amico, compagno, nemico o semplice visione non so, chi io sia ora, nemmeno. Tutto è così vago e il tutto non è che un’ombra che ci avvolge e poi subito sfugge. E’ all’ombra di una grande quercia che ti scrivo, nello stesso parco dove passavamo i nostri pomeriggi […]

Continua a leggere »

Viola piace a tutti

febbraio 15th, 2008

Si, é proprio così, Viola piace a tutti. Sabato, prime ore pomeridiane, giornata molto ventosa e sole glaciale, ma cielo di febbraio stupendo. Sono nel “pratone” nei pressi della mia abitazione, mi guardo intorno, deserto assoluto, solo qualche merlo, sciolgo Benny che inizia a correre velocemente. So per certo che i due cani maschi del […]

Continua a leggere »

I miei vicini di casa

febbraio 9th, 2008

Abitare in una villetta, in uno di quei paesi limitrofi alle grandi città, è una vera scuola di vita. Non parlo di chi vi è nato e custodisce nel suo DNA il segreto per amare la vita tranquilla, la vicinanza di parenti e amici che costituiscono i suoi affetti, la conoscenza per i compaesani che […]

Continua a leggere »

Febbraio

febbraio 8th, 2008

Febbraio, corto e maledetto, chi l’ha detto, probabilmente, pensava ad una strizzata di freddo. A me é simpatico Febbraio, lo vedo allegro e ridanciano e poi c’é il carnevale con le strisce, i coriandoli e le maschere. Ricordo un lontano Febbraio sui Lungarni della mia Firenze, col sole tenue e tanti bambini mascherati, per lo […]

Continua a leggere »

21 grammi

febbraio 6th, 2008

Un giorno lontano, molto lontano, tanto che quasi non esiste, l’Universale invitò nel suo giardino, com’era solito fare di tanto in tanto, le sue migliori creazioni. Li ravvide per quel dì sul pericolo di passeggiare da sole poiché vi erano dei lavori in corso, e per questo il terreno del giardino non era sicuro. Il […]

Continua a leggere »

« Pagina Precedente - Prossima Pagina »