Racconti Horror

Racconti Horror



Un’occasione importante

La Golf nera filava come un razzo, mentre la musica dei Megadeath esplodeva dall’autoradio. Marcello era entusiasta della serata: un lauto bottino, un’altra animuccia candida spedita al Creatore ed ora quella divertente corsa sulla strada del lungolago. Con una mano impugnava il volante, mentre con l’altra alternava una passeggiata delle dita tra i gioielli appena … Continua la lettura di Un’occasione importante

Eruzione di anime insane

Londra. Londra era addormentata. Qualcuno in qualche libro scrisse che “ovviamente…Londra non dorme mai profondamente ed i suoi sogni sono sempre inquieti”. Era la fine d’Agosto, ed un vento caldo e costante sollevava le cartacce dalla strada. Il sole si ergeva timidamente dietro il tetto degli edifici, come se avesse paura di mostrarsi. Era l’epilogo … Continua la lettura di Eruzione di anime insane

Seraphim

Sono sempre stato solo. Senza sostanza, senza sentimenti, senza storia. Solo silenzio snervante, sussurri, stagnazione. Sdraiato su spoglie strisce sbiancate, sognavo speranze, senza speranza. Sbiadite sensazioni stravolte, sconvolte. Soltanto Seraphim sembrava scorgermi. Seraphim, straordinaria saggezza, soave splendore. Sono semplice scenario scurrile, sgraziata sorte, spregevole struttura scarnificata. Sterco senziente, stupore scolpito su smunti spasmi sclerotici. Sognavo … Continua la lettura di Seraphim

Un Sacrificio

Il corpo aggraziato, inguainato in un’aderente tuta di pelle viola, si fletteva sinuoso, scosso da una ritmicità dolce e costante. L’urna, disposta sull’altare di argilla di fronte alla donna, mostrava preziose gemme incastonate sulla grezza superficie di metallo. Era un oggetto molto antico: alcune fonti, ritenute molto attendibili dalla sacerdotessa che le stava davanti, parlavano … Continua la lettura di Un Sacrificio

La tana del serpente

Il gocciolìo costante, provocato dalle crepe presenti nel soffitto a volta, rimbombava nella cripta con cadenzata monotonia. Due tombe di granito occupavano il centro del locale, a breve distanza dal pesante portoncino di mogano che permetteva l’accesso alla costruzione. Solo un sibilo soffocato rivelava la presenza dell’enorme serpente acciambellato ai piedi di un angelo di … Continua la lettura di La tana del serpente