Un’ora ancora

Un’ora ancora per entrare
Nel cuore della notte e sognare.
L’oscurità ricopre i volti
Stanchi di chi al giorno conosce
L’ebbrezza della vita e di notte
Trema al suono del buio.
Una candela accesa per non dimenticare
Che la luce esiste, ma muore.
Una lampada stanca di illuminare
Stanze che non hanno orgoglio,
che odiano mettersi a nudo di fronte
a un qualsiasi spettatore.
Un’ora ancora per abbracciare
La tristezza di un momento.
Una notte ancora per riassaporare
Il succo del Grande Frutto,
e inebriarsi di vita fino a
esplodere e cadere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *