Uomo che fai?

Un cetaceo lì, spiaggiato
agonizza sul bagnasciuga,
si sbatte ancora un po’,
quanta angoscia
quanta tristezza
in questa immagine crudele.

Uomo che fai?
Di quali violenze
ti stai macchiando,
inquinamento, desertificazione,
distruzione di ambienti,
che sono la sacralità della natura.

Tutto in nome del profitto,
hai messo la tua presunta
superiorità al servizio
del dio danaro,
del potere individuale
per un benessere fittizio.

Uomo che fai?
Tu l’essere più intelligente
del creato,
neghi ai tuoi figli
un domani,
un domani su questa terra.

Informazioni su Ema

Sono nata a Firenze, città dove vivo attualmente. Scrivo poesie dal 1979, raccolte gelosamente in un "Quaderno" dal titolo "I miei pensieri", mio personale terapeutico rifugio che da poco, ho deciso di condividere con gli altri. Nel 2009, RAI 2, trasmissione ("Anima")- direttore Gabriella Porta, apprezzò una mia poesia, dandone lettura. La mia prima raccolta di poesie, è uscita con un libro nel 2011 dal titolo " NUVOLE BIANCHE" Il libro contiene sia nella copertina che all'interno alcuni miei quadri, alto mio hobby, ho avuto un certo successo tra i miei amici, del quale sono molto lusingata. La mia ultima silloge è " AMORE CHE VAI - AMORE CHE VIENI parafrasando DE ANDRE, parla unicamente d'amore, diviso in tre Parti AMORE CHE VAI" quando l'amore finisce con il suo dolore. "AMORE CHE VIENI" ora l'amore torna con le gioie e le speranze, tra questi due Capitoli c'è un terzo " EROS" l'amore fisico, che è pur sempre amore, per lettori adulti. Pubblicato da " TraccePerLaMeta" Associazione Culturale. Nella primavera del 2016 è uscita la mia ultima 3 ) SILLOGE ( raccolta di poesie )- Cornelio Timpani EDITORE- L'ho intitolata " L' ERA DELL' UNICORNO " in riferimento a quell'epoca dove i sogni e le utopie sembravano raggiungibili, mentre ora...... Spero che anche questo mio scritto incontri l'approvazione e il consenso dei miei precedenti . Saluti a tutti EMA
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

10 commenti

  1. Uno sfogo poetico, sulla natura bistrattata dall’uomo, ben riuscito.
    Eccellente la chiusa, sicuramente di effetto.
    Un caro saluto e 5 stelle. QS-TANZ.

  2. Una riflessione cantata in una ballata che dovrebbe essere portata come una bandiera.
    Homo Sapiens, salva te stesso, e la Natura te ne sarà grata.
    Bella come tutte le tue poesie.
    Sandra

  3. x QS-Tanz: Il mio è un grido disperato che vorrei fosse raccolto, per salvare ancora il salvabile, di questo meraviglioso regalo che è la terra, la natura, mentre noi con incoscienza ne facciamo scempio, grazie della condivisione, saluti cari
    EMA

  4. x Sandra, anche tu cara sei sensibile a questo argomento, tanto importante per la vita sulla terra, che è nostra madre, e nostro futuro.
    Grazie della tua partecipazione,
    saluti cari EMA

  5. La vita dell’Uomo e quella del Creato sono interdipendenti.
    Adesso lo sappiamo: le leggi della natura non possono essere violate.
    Come è faticoso accettare quest’idea…
    anna

  6. x Anna, si è vero noi siamo un tutt’uno con la natura che ci circonda, e rispettando lei facciamo del bene a noi stessi ed ai nostri discendenti, per non rischiare di lasciare ai posteri un deserto.
    Saluti e grazie
    EMA

  7. Condivido in pieno le tue idee che non mi va proprio di chiamare “grida disperate”.
    Penso sia necessario uscire totalmente dalle dinamiche perverse di questo tipo di società che, tra l’altro, si dimostra fallita.
    Torniamo alle origini per Dio, alla terra…
    Basta….
    Grazie..

  8. x Folletto, sento che condividi la necessità di una vita più semplice nel rispetto della natura,
    non condividi “grida disperate” ebbene sussurriamo, basta che la presa di coscienza ci sia, e che ci si comporti di conseguenza, GRAZIE!
    Saluti
    EMA

  9. Se l’uomo capisse quanto guadagno otterrebbe senza deturparla… Sarebbe un uomo ricchissimo… soprattutto interiormente.
    5 stelle!
    Complimenti!

  10. x Ligeja ciao, mi fa piacere capire quante persone sono sensibili (come te) alla questione dell’ambiente, grazie, saluti
    EMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *