Grigio di cielo

Grigio di cielo

e pozzanghere

come oceani

mi avvolgono l’anima

di freddo umidore.

Cammino così

ripassando i giorni

di sole

e di anni nuovi,

finestre alla vita

a speranze grandi.

Non è dolore

questo tempo andato,

ma sabbia di clessidra

che vorrei rivoltare.

Informazioni su anna

Amo leggere fin da quando ero piccolissima e mi piace cogliere negli scritti altrui sentimenti, sensazioni, impressioni da condividere. Mi esprimo a mia volta cercando di mettere in luce l'attimo che dà significato a tutta la vicenda che descrivo sia in prosa che in versi. Nei miei scritti uso il linguaggio semplice della vita quotidiana che chiunque può sentire propria e tratto argomenti facilmente comprensibili ed interiorizzabili da tutti. Nei racconti per ragazzi parlo della difficoltà di crescere e degli affetti familiari come centrali alla vita; prediligo i messaggi buoni e positivi, perchè credo nell'effetto didascalico della scrittura e della lettura. Non nego ai miei lettori un sorriso, perchè la vita è bella, varia e offre a chi sa coglierlo, un aspetto di sottile ironia anche nei momenti più bui. Sono convinta che, alla lunga, l'impegno personale paghi e che il libero arbitrio sia l'aspetto più scabroso nella vita di ogni essere umano. Se qualcuno volesse contattarmi, chieda alla Redazione come farlo.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

11 commenti

  1. Bellissima!
    I giorni andati ci lasciano sempre quel non so che di malinconia.
    Più il tempo passa più siamo consapevoli che il nostro cammino ci conduce inevitabilmente verso i colori del tramonto: l’importante è “che non sia dolore” ma consapevolezza e serenità.
    Molto bella e di giusta profondità, brava Anna, come sempre accarezzi gli argomenti più difficili con eleganza ed attenzione.
    5 stelle ed un salutone da QS-TANZ.

  2. L’Estate è ormai alle spalle, la nuova stagione di pioggia è arrivata. Ma noi, Tu, sappiamo già come colorare il nostro Autunno. Con pennellate di cultura, tecnologia e viaggi pellegrini.
    Bellissima! L’Autunno lungo, ti aspetta.
    Un abbraccio.
    Sandra

  3. Cara Anna questa clessidra che inevitabile conta il tempo che passa, ci lascia anche la saggezza di assaporare in positivo le stagioni della vita.
    Bravissima!!! Bellissima poesia ( anche il grigio può essere un bel colore ) saluti affettuosi!
    EMA

  4. Una struggente nostalgia avvolge questa poesia quasi a indicare che il rovescio della clessidra sia un felice ritorno al passato.
    Purtroppo per tutti, il presente, è una finestra da guardare in avanti verso la consapevolezza del presente.
    Anche portandosi dietro l’umido nell’anima.
    Una poesia molto ben strutturata, difficilmente si riesce a trovare in questi tempi un’arte così raffinata che coinvolge il lettore al colmo.
    Che siano 5 o dieci o di più le stelle, per un intellettuale di questo calibro non verranno da lei mai considerate. Un saluto da stefano.

  5. Grazie, grazie a tutti per i vostri commenti belli e partecipi.

    @ Costanzo:
    Attendo sempre il tuo commento con curiosità.
    Anche questa volta hai visto ciò che io vedo.

    @ Sandra:
    Certo! Pronte a nuove avventure!
    Ogni tempo è bello in sé.

    @ Ema:
    Grazie Ema.
    E’ vero, ogni colore è affascinante, ha una sua bellezza e accarezza sfumature dell’anima.

    @ Stefano:
    Il tuo è un commento molto lusinghiero e articolato che mi ha davvero compiaciuta, non lo nego.
    Grazie per la tua attenzione e per le tue parole.

  6. Sarebbe bello rivoltare la clessidra, tornare indietro nel tempo… Ma ricordare ciò che è passato ci rende consapevoli di quanto la vita sia stupenda, di quanto stupendo ci sia in noi e di quanto ancora la vita ci può sorprendere…
    Complimenti!
    Un caro saluto

  7. Grazie Ligeja!

  8. Bei versi! Coll’andare avanti negli anni anche non volendo, viene il desiderio di rivoltare la clessidra per rivivere il passato, soprattutto quando a noi sembra ricco di bei ricordi… Un caro saluto da Sergio.

  9. Lucia Manna

    Una poesia bellissima! I giorni passano e lasciano sempre un po’ di nostalgia nel cuore, ma quel che conta è saper vivere nelle nuove stagioni che la vita ci regala.
    Un abbraccio insieme a tanti complimenti e 5 stelle.

  10. Grazie, Lucia!
    Sei sempre cara!
    a.

  11. Il folletto si inchina, lui sa dov’è la clessidra, nel bosco si nasconde e brilla solo quando nessuno la vede.
    Io una volta la clessidra l’ho vista ferma, me lo ricordo bene, si è fermata quel giorno in segno di rispetto…
    Ne sono certo.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *