Incoscienza

Solo stanchi alberi protesi
verso la luce della felicità
con la paura dei malintesi
scaviamo per coprire l’ingenuità

Ma a me basta correre senza senso
solo per cadere esausto fra l’erba
oppure ascolto un canto melenso
col timore della mia anima acerba

Ho un brutto vizio, ve ne siete accorti
non penso mai al domani
ma vi prego abbassate le mani
non vi rendete conto che gli eroi son morti?

Io non mi preoccupo mai,
per quello ci siete voi

 

2 Commenti per “Incoscienza

  1. Ciao gli alberi hanno ancora molto da insegnarci, essi non si stancano mai…la stanchezza è una prerogativa dell’uomo! Bella la visione di lasciarsi cadere frastornato tra l’erba. Hai tutte le qualità per fare meglio, congratulazioni…

  2. “Canto melenso”, “anima acerba” molto belli, danno un senso di originalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *