L’emigrato

E guardo con la mente

un paesaggio tutto sale

ascolto amaramente

ogni parola astrale.

Non vedo la tua ombra

snodarsi per le vie,

non sento chi la ingombra

e non la lascia mia.

C’è un male nel mio petto

che mi lacera il sorriso,

e un bene nel mio letto

che sorge dal mio viso.

Tra queste sensazioni,

ben salde nel mio cuore,

si mischiano opinioni

e grida un po’ l’amore.

E guardo col pensiero

cercando la mia lotta

ma tutto qui è straniero,

nessuno è poliglotta.

Nessuno mi comprende

nessuno mi perdona

nemmeno chi mi prende *

nemmeno la mia zona.

 

(*N.d.A. chi mi accoglie)

 

1 Commento per “L’emigrato

  1. Molto belli certi termini che hai usato, come il snodarsi per le vie, in un senso di poeticità davvero alta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *