Passi perduti

In un corridoio d’ospedale

attendo qualcosa

forse anche l’angelo della morte

in ritardo all’appuntamento,

preso da altro

che non so cosa sia.

 

Intorno

l’umanità dolente

in camere asettiche

tra tentativi di sopravvivenza

e abbandono della lotta.

 

Aspetto

che qualcosa succeda

spogliata

di ricordi e di pensieri.

 

E mi lascio vivere.

Informazioni su anna

Amo leggere fin da quando ero piccolissima e mi piace cogliere negli scritti altrui sentimenti, sensazioni, impressioni da condividere. Mi esprimo a mia volta cercando di mettere in luce l'attimo che dà significato a tutta la vicenda che descrivo sia in prosa che in versi. Nei miei scritti uso il linguaggio semplice della vita quotidiana che chiunque può sentire propria e tratto argomenti facilmente comprensibili ed interiorizzabili da tutti. Nei racconti per ragazzi parlo della difficoltà di crescere e degli affetti familiari come centrali alla vita; prediligo i messaggi buoni e positivi, perchè credo nell'effetto didascalico della scrittura e della lettura. Non nego ai miei lettori un sorriso, perchè la vita è bella, varia e offre a chi sa coglierlo, un aspetto di sottile ironia anche nei momenti più bui. Sono convinta che, alla lunga, l'impegno personale paghi e che il libero arbitrio sia l'aspetto più scabroso nella vita di ogni essere umano. Se qualcuno volesse contattarmi, chieda alla Redazione come farlo.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

8 commenti

  1. Bellissima!
    Un percorso in salita che ha visto poi la pianura.
    La poesia serve anche a questo, a elaborare momenti in cui i nostri piedi non sono capaci di muovere passi, mentre la testa elabora ricordi che sono le nostre radici.
    Brava.
    Sandra

  2. Grazie, Sandra!
    È così.
    Ci sono momenti, ore, giorni… difficili.
    Poi, superati, la riflessione aiuta e guida passi successivi.
    E la poesia, lo scrivere, come diciamo sempre, è un modo per rielaborare e salvarci.
    Un abbraccio.
    a.

  3. Nicolas Antares

    Ho già vissuto questo momento: terribile!
    E’ l’unica parola che mi viene in mente.
    Se si riesce a superare l’ostacolo, beh, allora la vita può nuovamente essere più rosea.
    Bravissima Poetessa, come sempre unisci lo stile alla profondità dei contenuti.
    Ed io imparo ogni volta qualcosa di nuovo.
    Un caro saluto da Nicolas Antares.

  4. Ema Cecconi

    Bellissima poesia che testimonia momenti terribili di vita vissuta, che prima o poi arrivano !!!!
    Difficile descrivere queste situazione con semplicità e umiltà, usando così bene la poesia,
    GRAZIE !!!!!
    Ti abbraccio con affetto a risentirci
    EMA

  5. Grazie, Poeta!
    …e io imparo da te!
    Un abbraccio.
    a.

  6. Sei grande ANNA, nella tua essenzialità esprimi tutto un mondo (altrimenti difficile a capirsi). Un abbraccio grande quanto il mondo: (coraggio e non cadere nelle illusioni fossero anche di un mago): la vita è tremenda, io ce l’ho fatta!

  7. elisa longhi

    Quanto dolore, quanto strazio, in queste semplici parole……..
    quanto ci si può sentire vicini a tanto sentimento!
    La tua poesia mi tocca l’anima.
    Ciao Elisa

  8. Parole che toccano il cuore, come al solito sei una grande osservatrice del cuore umano. 💝💝💝

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *