Un pugno d’acqua

Come l’acqua scivola

dal pugno della mia mano,

similmente la tua vita

dalla nostra esistenza,

portando via con sé

la storia della nostra storia.

E rimane il segno

sul mio corpo,

sulla mia anima,

proprio come

quell’acqua, la cui fuga,

lascia umido

il mio pugno.

Poi, però, esso

ritorna asciutto,

ridonando sete alla pelle;

ma le mie lacrime?

Ah! le mie lacrime

continueranno a solcare

il mio viso stanco e deluso

per sempre.

Piango la mia morte.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. La vita continua, ci forgia e i ricordi sono il nostro vento che asciuga le lacrime.
    Un saluto.
    Sandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *