Guscio

Mi sono raggomitolata
nel mio guscio
per curarmi le ferite
infertemi dalla vita,
la mia ingenuità
la fiducia nel prossimo
ha dato i suoi amari
e dolorosi frutti
è successo ancora.

E ancora mi rinchiudo
in me stessa
ma ancora creo
isolamento sofferenza,
sono smarrita
faccio fatica
a capire il perchè
la vita mi fa
questa ingiustizia.

Non potrò vivere
sempre in un guscio
prima o poi dovrò
uscire guardare il cielo
forse sorridere.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

13 commenti

  1. Sorridi Ema, bella persona dalle mille qualità, la Vita ancora potrebbe riservarti quello che ha carpito nel tempo che è andato. La speranza a questi nostri giorni di caldo autunno deve rimanere in te viva e creativa come lo è la tua persona.
    Scrivere è già la prima onda del mare.
    Un abbraccio.
    Sandra

  2. Carissima,
    Ci sono momenti negativi in cui ci chiediamo come sia stato possibile per noi giungere a quel tal punto….
    Anche a me capita di chiedermi talvolta come ho fatto a mostrare il fianco indifeso a delusioni che col senno del poi avrei facilmente potuto evitare.
    Ma è molto spontaneo per alcuni avere una generosità di donazione di sé e del proprio spirito a chi o a situazioni che nulla meritano.
    Sciocchezza? Debolezza?
    Non so.
    Ma chi non ha preclusioni e difese è esposto sia alla generosità che alla sopraffazione.
    Mi hai fatto pensare parecchio questa sera…
    Un abbraccio, Ema.
    Anna Maria

  3. Grazie Sandra e Anna per le vostre belle parole di incoraggiamento e di amicizia.
    Il mio errore principale nella mia vita è stato misurare i sentimenti e l’onestà delle persone con il mio metro personale, credendo ad una sincerità e onestà, che poi il tempo ha rilevato false.
    Allora mi rifugio nella mia poesia, supero il dolore della delusione e vado avanti.
    Comunque ringrazio la vostra generosità, vi saluto e abbraccio
    EMA

  4. Maria Rosa Cugudda

    Ema cara, la vita anche nel dolore deve essere apprezzata,
    anche se costa tanta fatica, e io lo so bene!
    Ti auguro ogni bene, e ti abbraccio.

  5. Cara Ema, una bella persona come te dovrebbe solo sorridere e non chiudersi nel proprio guscio, purtroppo le delusioni sono sempre in agguato pronte a ferirci ma dobbiamo andare avanti cercando di cogliere quello che di buono e di bello la vita ci può dare lasciando indietro tutto ciò che ci fa troppo soffrire…. perciò forza EMA AVANTI TUTTA!!!!! Un abbraccio
    a presto
    Mariella

  6. Dal contenuto della poesia, emerge chiaramente una delusione amorosa recente, mi dispiace, fatti animo e riparti con forza, …la poesia è molto carina, complimenti… ciao… Carlo

  7. Cara Ema, pur se molto triste, la tua poesia termina con la parola sorridere e questo mi fa sperare che sicuramente riuscirai a uscire da questo guscio in cui ti sei momentaneamente racchiusa. La poesia ti ha aiutata e ti aiuterà ancora a non perdere la speranza e la fiducia in un futuro più sereno. Un caro saluto e un abbraccio Nella

  8. Un grazie di cuore a MARIA ROSA, MARIELLA, e CARLO, per l’incitamento a superare positivamente il momento triste, siete molto cari!!!!!
    Vi abbraccio e saluto con tanto affetto
    EMA

  9. Purtroppo mi trovi solidale nel fatto che proprio le persone che ami ti deludono e ti fanno chiudere il cuore e l’anima in te stesso è una difesa al momento, ma devi in tale situazione amarti ancora di più e scegliere di andare avanti nella tua vita.
    Ti ringrazio per la tua poesia che mi tocca sempre nell’intimo.
    Grazie Marta

  10. Casati Laura

    Cara Ema quanto è vero quello che scrivi e quante volte mi sono trovata nella condizione di chiudermi per difendermi. La vita però ha un grande pregio, pian piano impari a mettere in conto di rimane delusa ma non per questo cessare di sperare… e così il guscio si spezza…

  11. Care, Nella e Marta anche a voi grazie di avermi letto e gentilmente commentato, condividendo con me anche gli aspetti tristi e deludenti della vita.
    Vi abbraccio forte con affetto a risentirsi presto
    EMA

  12. Ciao Ema, ho letto la tua poesia che mi ha molto colpita. Ho deciso di copiarla con una vecchia Olivetti lettera 32 e volevo chiederti se è possibile farla leggere in giro. L’ho firmata con il tuo nome (EMA).
    Fammi sapere, buona giornata!

  13. X Giorgia
    Cara Giorgia, sono amica di Ema che in questo momento è assente ma informata della tua lettura e richiesta. Puoi benissimo farla leggere in giro, lei ne è onorata, ricordati di menzionare sempre il nome dell’autore.
    Grazie, un saluto.
    Sandra Carresi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *