Fuga

Non fuggire da te stesso,

dal mondo,

dalla vita,

dalla morte.

La tristezza è pesante

come il piombo.

Ho sentito

dilaniarsi nel tuo cuore

la paura,

ti ho visto scendere

nell’abisso dell’anima.

Ha messo le sue radici

l’angoscia.

Strappi nel silenzio

e paure sospese.

Solo fuggire.

1 Commento per “Fuga

  1. La tristezza preme. Ha un peso insopportabile. Non c’è poesia che la lenisca. Il breve spazio di pochi versi, ma lei è sempre lì: consapevole della sua forza. Sembra schernire la sua preda con la sua impassibilità. In attesa che lentamente si dissolva, lasciando di sé l’immagine effimera di una nebbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *