La cruna dell’ago

Ho legato la serenità

ai piedi di un tavolo da pranzo

ed invitandola ad attendere

io nel mentre divoravo a sazietà

le crude pieghe riscaldate

di una vita avviluppata

al moto ondivago di giornate afose.

Le ha asciugate il vento della frenesia

le parole che erano da dire,

e son contento che sia giunto finalmente lo scirocco:

ammazza le frasi ed annega le liti.

Rimane il silenzio,

non v’è tempo di discutere ora che si vede un temporale.

C’è da passare il mare, farsi sottili,

chiudere nelle stive le lagnanze.

Dalla cruna dell’ago passerà solo

un umile devoto silenzio,

che prega e combatte,

tramuta l’anima in nuvole di cielo

e catalizza i rumori in sospiri.

C’è da passare il mare,

se si è mozzi o meno.

E se non parlo di paura,

che non passi per arrogante coraggioso.

Solo non v’è tempo.

Tuona già.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *