Dedalo

Rododendri di campo sbocciano negli occhi,

pugni chiusi le mie mani trattengono il polline

e lo sbriciolano come pane a segnar la strada percorsa

per non smarrire l’uscio dei ricordi.

Fazzoletti di lacrime butto al vento,

mangio fresche amarene e amaretti fumanti.

Sono su dedalo di vita, tra carezze e incertezze…

Un tronco d’albero profumato è il ponte del mio esistere

da essenza a dissolvenza e da dissolvenza a essenza.


1 Commento per “Dedalo

  1. Forse la vita stessa è un labirinto, per quanto ciascuno di noi tenda a organizzarla come una linea retta.
    Ed è bella anche per questo, e per la capacità che ha di sorprenderci.
    Anche se … mica sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *