Le sirene di K. Makovskji

Corpi ignudi

corpi bagnati,

corpi formosi

e disperatamente agognati.

Io voglio bere

l’acqua che scorre

sopra la carne ardente

di questi corpi immersi

in acque frangenti,

sulla pelle odorosa

di crisalidi assorte

sotto il Cielo silente,

tra vaghi vapori

e riverberi correnti,

feticci sinuosi

nell’aere d’argento,

luce corporea

di parvenze ignude.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *