Pablito

Paolo Rossi, il nome d’Italia,

un sorriso vero, che ammalia,

uno sguardo accattivante,

e poi le reti… quelle tante.

Anzi, no: Pablito!

Te lo dirò: sei un Mito.

Scattavi, scartavi;

il primo senza freno

l’altro un po’ di meno.

Eppure la palla entrava,

eccome se entrava… con la bava

tutta lì, intorno alla bocca,

gongolavo: «Sotto a chi tocca»!

Incollato alla radiolina,

proteso, fin dalla mattina,

attendevo la notizia:

il tuo goal? Una primizia!

Ma poi giunse, in mezzo ai pali,

un trionfo senza eguali!

L’anno? Sì, l’Ottantadue.

Le reti? Tre, una e due.

Tre contro i Carioca,

squadra forte resa fioca.

E poi due contro i Polacchi,

stesi a terra, fiacchi fiacchi.

Una infine lì in finale,

che trafisse e fece male

ai Teutonici, distrutti,

tutti insieme: proprio tutti!

Caro Pablito, schivo ma ardito,

accogli il mio saluto, carico d’affetto.

Ho scritto di getto, ti chiedo perdono,

ma il verso è sincero: è qui, te lo dono.

1 commento per “Pablito

  1. Questa bella poesia mi ha emozionato, facendomi rivivere quell’indimenticabile vissuto…
    Trasmette veramente le sensazioni provate…
    Grazie Arduino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *