Scacchiera

Quanto della cadenza del pendolo

m’appartiene.

Oscilla, oscilla pure nella bufera.

Torre da scacco al Re

e scricchiola il tepore

d’un fuoco spento.

Son seduto e non sono.

Chi gioca con me?

Tre carte sul banco

senza rilancio.

Vento nella notte

e chicchi di pensieri

divorati dallo spirito.

Mi vestii di me

senza essere me

e bussa

bussa.

Non aprirò

nel remoto del passato.

Non coi verbi in disaccordo.

Manca il tempo in questa storia

morta da tempo.

E t’amo

mentre nessuno

muove più sulla mia scacchiera.

1 commento per “Scacchiera

  1. Non so se hai giocato troppo a scacchi, o se semplicemente è passato il tempo in cui l’amore faceva parte della tua vita.
    Spero tu abbia vissuto il tuo tempo dell’amore mettendo da parte la scacchiera, affinché i tuoi ricordi siano dolci.
    Buon anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *