L’altra me

Non sono più io

e non mi riconosco.

Nascosta dietro alla mie paure,

attorcigliata nei miei dubbi.

Tutto è finito e

posso solo scappare.

Mi sento persa.

Ingoio le mie lacrime e

nascondo la mia maledetta sensibilità.

Vorrei abbandonare i pensieri

ed il passato.

Non sono né come dovrei

né come vorrei.

Una vita parallela.

Il mio compito è amarmi,

provarci per vivere.

2 commenti per “L’altra me

  1. Quando le parole dipingono pensieri, sensazioni e sentimenti come fai tu, la poesia sorge e avvolge come una placida nuvola, entro cui il mondo è un “di fuori” di cui si sente solo una ridicola eco.
    È la bellezza di quella sensibilità che tanto ti fa soffrire

  2. E all’improvviso, un gioiello in versi!
    Verissimo. Una nuvola che tutto avvolge. Chi lo sa quanti capiscono la tua poesia, e quanti si limitano semplicemente a dire di apprezzarla.
    Dai l’impressione di avere una scorza protettiva spessa un metro, che protegge una dolcezza unica e troppo delicata da mostrare a chiunque

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *