Intrico di disamina

Vi resti impigliato

nei cespiti delle ostilità

poiché non hai

considerato prima

cambiare sentiero

e salvarti la pelle

da quei graffi

che lacerano l’anima

dal dolore che essi

inevitabilmente provocano,

non è fredda indifferenza

ai grovigli della vita

ma è pura previdenza

per il proprio benessere

al di là della loro

presenza

a porre a repentaglio

la pazienza

del cuore acume,

pronto a farne

perle profumate

di viburno, buddleja

e oleandro!

Poiché purtroppo

non sempre

son gemme di rose

ad abbellire il tuo essere

e ad allietare il sorriso

a causa di contingenze

non agognate,

ma sopraggiunte

per inadatte scelte

di una fatua disamina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *