Pensando a Darwin…

Dalla notte del tempo

è custodito gelosamente il segreto

degli uomini

che siamo.

 

Niente

è scontato

o casuale.

 

Nell’universo

dove solo la stupidità

non intuisce la domanda,

abbracciata

dalla bellezza

dell’alba e del tramonto,

netta

si staglia

la grandezza dell’uomo

che sa riconoscerla.

 

Informazioni su anna

Amo leggere fin da quando ero piccolissima e mi piace cogliere negli scritti altrui sentimenti, sensazioni, impressioni da condividere. Mi esprimo a mia volta cercando di mettere in luce l'attimo che dà significato a tutta la vicenda che descrivo sia in prosa che in versi. Nei miei scritti uso il linguaggio semplice della vita quotidiana che chiunque può sentire propria e tratto argomenti facilmente comprensibili ed interiorizzabili da tutti. Nei racconti per ragazzi parlo della difficoltà di crescere e degli affetti familiari come centrali alla vita; prediligo i messaggi buoni e positivi, perchè credo nell'effetto didascalico della scrittura e della lettura. Non nego ai miei lettori un sorriso, perchè la vita è bella, varia e offre a chi sa coglierlo, un aspetto di sottile ironia anche nei momenti più bui. Sono convinta che, alla lunga, l'impegno personale paghi e che il libero arbitrio sia l'aspetto più scabroso nella vita di ogni essere umano. Se qualcuno volesse contattarmi, chieda alla Redazione come farlo.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

7 commenti

  1. Cioè tu credi che ci sia un ordine predefinito?

  2. Pochi pensano all’Identità del genere umano. Millenni di sangue versato sembrano a volte serviti a nulla o anche peggio, quando la cronaca ci informa di persone uccise per un telefonino o che dire… per uno sguardo. Poesia suggestiva e commovente. Ciao

  3. Complimenti Anna, è vero, grande è l’uomo che sa riconoscere le bellezze del mondo.
    Un abbraccio e 5 stelle.

  4. Un notevole inno alla vita, schietto, profondo e di immediata comprensione.
    Come sempre, cara Anna, ti seguo con piacere.
    Brava. Un caro saluto. QS-TANZ.

  5. La grandezza dell’uomo si riconosce non dalla sua forza, o dal suo potere, ma dalla capacità di capire e amare, e rispettare, quello che ci è stato donato, bellissima la tua poesia, Anna, profonda e diretta. Bravissima. Un abbraccio da Betta

  6. Grazie a tutti per la lettura.

    Per rispondere alla domanda di Icehotheart:
    E’ ormai assodato che neanche Darwin era così darwiniano come si crede e le conoscenze scientifiche più avanzate, sconfinando nella filosofia, riconoscono un piano ordinato.
    Personalmente reputo un grande spreco limitare la storia dell’uomo alla storia delle conquiste del topo-ragno primigenio e, fosse anche solo una questione di disordine da riordinare, il riconoscere la grandezza di quel disordine genera grandezza.

    Un abbraccio a tutti.
    anna

  7. Pensa, cara Anna, ci sono molte persone che non hanno la capacità di riconoscere quanto di bello esiste nell’immenso… Figli della distrazione? Non saprei, quello che so é che la tua poesia é musica e verità.
    Brava.
    Sandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *