Muro

Maledetto muro.

 

Su cui le nostre parole rimbalzano

e tornano indietro.

 

Muro che è silenzio,

vergogna e paura,

 

muro che è rumore,

pregiudizi e falsità.

 

Maledetto muro.

 

Costruzione che abbatte,

separa e uccide.

 

Male dell’antica Grecia,

del nazismo

e della nuova società,

 

male che consuma l’anima dell’uomo

come il cancro il suo corpo.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

7 commenti

  1. Un grido coraggioso lanciato contro le barriere che non ci fanno comunicare o sulla mancanza di comunicazione che è il peggiore dei muri.
    Brava. Ciao. QS-TANZ.

  2. Mi piace. Fa rumore.
    Ciao, 5s.
    Sandra

  3. Un muro da abbattere.
    Complimenti
    chiara

  4. Nessun essere umano che vive di pensiero, d’arte e di libertà può stare volentieri al di qua del muro.
    Soprattutto quando sa che dall’altra parte c’è vita, ci sono uomini, idee…
    Ciao
    anna

  5. Mi piace molto questa poesia. Il muro inteso come ostacolo fisico, ideologico, religioso ecc. alla nostra libertà di confronto e di comunicazione.
    Io mi auspico solo che la poesia e tutte le arti in genere non contribuiscano alla costruzione di muri ma se non riescono ad abbatterli quanto meno aiutino a valicarli in qualche modo.
    I miei complimenti
    Raf

  6. Grazie a tutti. Saluti ricambiati.

  7. Bella poesia, piena di forza, brava. Ciao da betta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *