Rimpianti

Lungo il sentiero aspro della vita

percorro questa strada,

dove mi porti non so.

Sul viale

incontro un vecchiarello,

stanco, riposa sulla verde erba

bagnata dalla rugiada.

Gli domando: “Vecchio,

che dalla tua vita hai avuto tanto,

dimmi cos’è che rimpiangi

degli anni tuoi passati?”

“Cosa potrei rimpiangere

se non la giovinezza che non è più!

Ormai sono vecchio, stanco,

non mi reggo più sulle mie povere gambe.

Aspetto che un giorno possa riposare

e non stancarmi più.”

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

4 commenti

  1. Dolce e commovente poesia. Sia di monito a chi la giovinezza non sa apprezzarla e la butta via.
    Complimenti ciao, cinque stelle.

  2. SANDRA CARRESI

    Niente si può trattenere o fermare, altrimenti prenderebbe il nome di Morte e non di Vita, se non scorresse.
    Tuttavia esistono i ricordi, patrimonio del cuore e della mente. Tutto va vissuto e apprezzato al meglio, per poi poterlo riassaporare.
    Cinque stelle.
    sandra

  3. maria cristina

    Bellissima questa poesia, sarà che io sono molto innamorata delle poesie, complimenti ciao, 10 stelle.

  4. Straordinariamente bella e nostalgica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *