Il colore

Nuoto al largo

in un pomeriggio d’estate

con bracciate che seguono il ritmo

che il mio corpo conosce.

Poi mi volto, mi lascio andare

e guardo la riva

da cui sono partita.

Respiro, attendo,

ma, improvviso,

il dolore mi assale.

Sono sola, lontana,

non so ritrovare la via.

 

Anche ora

mi sento lontana,

in un’acqua che non riconosco

e galleggio

aspettando le forze

per nuotare verso la riva.

 

Nel frattempo

scrivo poesie

per colorare un cielo di piombo.

Respiro.

Attendo.

Ignoro il dolore.

 

Cerco la via.

Informazioni su anna

Amo leggere fin da quando ero piccolissima e mi piace cogliere negli scritti altrui sentimenti, sensazioni, impressioni da condividere. Mi esprimo a mia volta cercando di mettere in luce l'attimo che dà significato a tutta la vicenda che descrivo sia in prosa che in versi. Nei miei scritti uso il linguaggio semplice della vita quotidiana che chiunque può sentire propria e tratto argomenti facilmente comprensibili ed interiorizzabili da tutti. Nei racconti per ragazzi parlo della difficoltà di crescere e degli affetti familiari come centrali alla vita; prediligo i messaggi buoni e positivi, perchè credo nell'effetto didascalico della scrittura e della lettura. Non nego ai miei lettori un sorriso, perchè la vita è bella, varia e offre a chi sa coglierlo, un aspetto di sottile ironia anche nei momenti più bui. Sono convinta che, alla lunga, l'impegno personale paghi e che il libero arbitrio sia l'aspetto più scabroso nella vita di ogni essere umano. Se qualcuno volesse contattarmi, chieda alla Redazione come farlo.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

7 commenti

  1. A volte è il dolore a indicarci la via, altre volte la nasconde; se lo ignori troppo perdi le indicazioni, la rotta, la bussola, la salvezza della riva.

    5st. ciao.

  2. Bellissima. Cercare la via… Succede che certe mattine anche col sole, il cielo diventa di piombo, le responsabilità del quotidiano pesano come mattoni dentro la borsa che ci portiamo appresso, i sassi nella strada che percorriamo bucano i piedi anche se le scarpe sono pesanti e con para. Che fare? Ignoriamo il dolore cerchiamo di andare avanti. Questo sappiamo fare, fino a quando di nuovo, un sole generoso torna ad abbracciarci.
    Complimenti, 5st.
    Sandra

  3. Io ho percepito quella strana sensazione che abbiamo quando a volte, non avendo ciò che desideriamo o non essendo dove vorremmo essere, tendiamo nell’adeguarci perlomeno a “personalizzare” (è brutto come termine ma non mi passa altro per la testa) il posto in cui siamo.
    Come quando ci assegnano un posto che non ci piace così tanto e allora pensiamo “beh, dato che devo restarci almeno lo abbellisco a modo mio”. Il sapersi adeguare è una virtù importante che non tutti hanno.
    Anche se lontano da quello che intendevi tu il mio pensiero mi ha portato a riflettere su questo strano aspetto.
    Grazie e complimenti come sempre.
    Raf

  4. “Per colorare un cielo di piombo…” e tu ci riesci a trovare i colori coi versi… Brava!!

  5. Colorare il cielo non è sempre facile quando si vive un dolore, ma bisogna trovare la forza nell’attesa che il sole ritorni.
    Complimenti Anna per questi bellissimi versi!
    Naturalmente 5 stelle.

  6. Ciao Anna, la tua poesia è bellissima, questa sensazione di essere a volte, in un posto che non si riconosce, mi capita di sentirla, e non perchè attorno a me sia cambiato qualcosa, ma solo perchè a volte ho la sensazione di essere sola, di non poter essere compresa, neanche dalla persona che amo e che è con me da tanti anni, io penso che ci sia una parte di noi, che solo noi conosciamo, e che a volte si risveglia, dandoci questa sensazione di solitudine. Bravissima Anna, e scusami per i commenti mancati sui tuoi scritti, sono stata un pò “spenta”. Un bacio da Betta

  7. Carissimi tutti,
    grazie per il modo in cui leggete e fate vostre molte delle mie parole.
    Talvolta vorrei essere altrove.
    Talvolta mi sento fuori posto.
    Talvolta pagherei un altro per essere al posto mio, ma non ho mai trovato nessuno, perchè siamo tutti figli della realtà in cui siamo immersi.
    Il sogno, però, suggerisce la pausa ed essa ritempra le forze.
    Poi la vita continua ed io, come voi, vivo.
    Un abbraccio ed un sorriso.
    anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *