Vivi

Dolce divina creatura
nascosta in quell’angolo
della tua stanza,
piena di ricordi della tua eterna giovinezza.
Sola, immersa nei tuoi pensieri.
La radio ti desta, all’improvviso
una voce, un telefono, la tua richiesta