Miracolato

Quel che sto per raccontare somiglia molto alla realtà. Potrebbe essere vero, spesso anzi accade, ma potrebbe anche essere il puro parto della fantasia: ciascuno lo accolga come meglio crede. Un uomo maturo, convinto della sua integrità quasi soprannaturale, amava dal profondo del cuore la sua famiglia, costituita da due ragazzi candidi ma svegli e […]

Come una bolla di sapone

Era facile trovarti. Giungevi improvvisa, come una bolla di sapone portata per caso dal vento, fresca e piena di vita distribuendo generosamente lungo il tragitto la tua incontenibile gioia di vivere… e bastava seguire i volti sorridenti della gente accanto per raggiungerti. Era facile trovarti. Ma al mondo esistono persone egoiste ed ottuse, capaci di […]

Il cerchio di ghisa

Venti quintali di ghisa. Ledion osservò solo per un attimo il pesante cerchio che gli stava davanti. Da quando lavorava in fonderia, al reparto “sabbiatura e sbavatura”, conosceva bene quei cerchi e il loro peso, e sapeva che gli occorrevano quasi dieci ore per lavorarli, per finirli. Ledion non voleva perdere altro tempo: come ogni […]

La mente ovunque

Fuori nevicava e i fiocchi cadevano soffici sul cortile interno dell’Università. La lezione procedeva noiosa, ma Giorgio aveva il cuore, la mente e l’anima altrove. Da qualche mese viveva a metà, sua sorella Alice era partita per Londra, sua madre soffriva d’Alzheimer e suo padre era il grande assente della famiglia. Partiva per lunghi viaggi […]

Nina

Il gommino scuro è morbido e lei fa una faccina strana quando glielo tocco. Allora riprendo a toccarle la zampina pelosa e tigrata in modo perfetto, neanche fosse una tigre. È rimasta piccolina, soltanto 2 chili di pura bellezza e dolcezza, specie quando ciuccia le dita per ricordarsi il seno della mamma che non ha […]

Prima di dormire

Spesso, prima di dormire, mi capita di farmi questa domanda; a me, lei, ci pensa ancora? La risposta non la conosco ma suppongo di sì. Mi piace pensare che anche se fa di tutto per dimenticarmi, all’improvviso, un oggetto, una frase, un odore la riporta verso di me, un breve attimo, uno sguardo di sfuggita […]

Io sono Napoli

Mi presento: ho quasi tremila anni e sono ancora in crescita, all’inizio mi chiamavo Parthenope, poi Cuma, ma non mi piacevano questi nomi, così che qualche secolo dopo, la geniale scelta di spostarmi più su e mi rifondarono come Neapolis, (città nuova). Ho aspettato qualche secolo solo perché a me piace fare le cose con […]