Amica mia…

Era triste quella sera, i suoi occhi erano luccicanti mentre mi raccontava di sé, della sua vita e del dividere la sua vita con un’altra persona. Avrei voluto vederla carica e sorridente come sempre, avrei voluto urlare di gioia con lei e per lei. Quella sua unica treccia laterale non lasciava trasparire i suoi anni […]

Ritorno a casa (terra natia)

Rallentò per fermarsi al casello dell’autostrada; imboccò la corsia con l’insegna bianca e azzurra con scritto “Viacard”; si arrestò per pagare il pedaggio e ritirata la tessera, come si alzò la sbarra, si avviò verso la rampa d’uscita. Presa la strada provinciale, mantenne un andamento meno veloce di quello che aveva sostenuto nel suo viaggio. […]

Felicità malata

Era triste. Era molto triste. Si sentiva un fallimento. Ma non lo era, paradossalmente. Proprio per questo, in un certo senso, era triste. La persona probabilmente a lei più vicina aveva deciso di abbandonarla. Glielo aveva detto quel giorno. “Sono affezionato a te, siamo in sintonia”, ma aveva deciso di abbandonarla. Era meglio così, era […]

La danza delle note

Bloccato su una sedia a rotelle, Matteo fissava il vetro della finestra che si affacciava sulla strada principale del paese. Il percorso di riabilitazione dopo l’incidente in moto si stava rivelando più lungo del previsto, ma il ragazzo non si perdeva d’animo. Ogni tanto sentiva la mancanza dei suoi amici con cui andava spesso a […]

La stazione

È notte e dopo tanto inutile camminare sono finalmente arrivato alla stazione dove aspetterò che arrivi il mio treno. La mia non è una grande stazione di città, è la stazioncina di un piccolo paese di montagna. L’aria è fresca e pulita. Ci sono solo due soli binari, uno per andare a non si sa […]

Morte generosa

Sto guidando l’auto che si dirige verso il cimitero. Sul sedile posteriore giace sdraiato esamine il mio corpo. Giunto al campo santo, chiedo al becchino di poter usare i vestiti del “io caro estinto”. Spiego che mi devo presentare ad un importante incontro di lavoro e non posso certo presentarmi così trasandato. Avuto il consenso […]

Il tassista di notte

Nonostante il mese di marzo fosse iniziato da diversi giorni, nelle serate un po’ più umide il paesino si saturava quasi quotidianamente di una fastidiosa e torbida nebbiolina, che non impediva le normali attività quotidiane dei suoi abitanti, ma le rendeva pigre e piuttosto sgradevoli. Era molto curioso come quel paese fosse per gran parte […]