Attacco di panico

Era lì. Solo. Tutto intorno era vacuo, asfissiante, fagocitante. Aveva preso la Metro, la co(r)sa più semplice del mondo: in pochi attimi grandi distanze, niente traffico né code, una sola co(r)sa. Eppure l’impegno ingombrante gli offuscava la mente. Era la svolta della sua vita: o dentro o fuori. Se avesse superato la prova, avrebbe risolto per sempre; viceversa, […]

Il cerchio di ghisa

Venti quintali di ghisa. Ledion osservò solo per un attimo il pesante cerchio che gli stava davanti. Da quando lavorava in fonderia, al reparto “sabbiatura e sbavatura”, conosceva bene quei cerchi e il loro peso, e sapeva che gli occorrevano quasi dieci ore per lavorarli, per finirli. Ledion non voleva perdere altro tempo: come ogni […]

Io sono Napoli

Mi presento: ho quasi tremila anni e sono ancora in crescita, all’inizio mi chiamavo Parthenope, poi Cuma, ma non mi piacevano questi nomi, così che qualche secolo dopo, la geniale scelta di spostarmi più su e mi rifondarono come Neapolis, (città nuova). Ho aspettato qualche secolo solo perché a me piace fare le cose con […]

A Lei – lettera mai data

Caro Dottore, non sono certa di quanto sia appropriato riferirmi a Lei come “caro”. Avrei optato, in passato, probabilmente per qualcosa di più formale, ma credo che l’espressione scelta sia esemplificativa dell’affetto che provo per Lei. Non so esattamente perché le sto scrivendo questa lettera. E nemmeno sono sicura di volergliela consegnare, ma se la […]

Ritorno a casa (terra natia)

Rallentò per fermarsi al casello dell’autostrada; imboccò la corsia con l’insegna bianca e azzurra con scritto “Viacard”; si arrestò per pagare il pedaggio e ritirata la tessera, come si alzò la sbarra, si avviò verso la rampa d’uscita. Presa la strada provinciale, mantenne un andamento meno veloce di quello che aveva sostenuto nel suo viaggio. […]

Felicità malata

Era triste. Era molto triste. Si sentiva un fallimento. Ma non lo era, paradossalmente. Proprio per questo, in un certo senso, era triste. La persona probabilmente a lei più vicina aveva deciso di abbandonarla. Glielo aveva detto quel giorno. “Sono affezionato a te, siamo in sintonia”, ma aveva deciso di abbandonarla. Era meglio così, era […]