I Ricordi Mitici Adolescenziali

Piccoli, ma felici. Io ormai al quarto anno, lui appena iscritto al primo. Ma con lei soffrivo tanto, anzi troppo. Mi aveva precettato: sì, studente intuitivo, ma troppo sicuro di sé. Di nome e di fatto. Ci avevo provato: «Come mi chiamo io? Per i maiores sarei stato “il maggiore”, “il più grande”». Ed eccola lì al varco: […]

Fuga con foga

Decisero di uscire. Lui, il piccolo, morettino risoluto, occhi e riccioli (ri)belli, bicicletta sgangherata. L’altro, il grande, senza posa, su di un mezzo ben più forte, una ruvida granata. La strada li accoglieva, roteanti, ronzanti sull’asfalto, i pedali compulsati, prima una forte spinta in basso, poi il rilascio verso l’alto. Volavano con foga, i manubri stretti in pugno, e negli occhi Gianni Bugno; eran razzi, no anzi Laser, […]

La rivalsa della vittima

Questo mio racconto è già stato pubblicato nel mio libro ”Brividi Sanguinanti” disponibile in varie versioni. *** Fu Rinaldi ad informarci della novità. Per noi quella soffiata valeva parecchio ed è per questo che ci chiese tremila euro. Carlo tirò fuori la bottiglia di grappa dal cassetto della scrivania accanto a cui era comodamente seduto […]

Reccord? Raccord!

Ricordo il raccordo. E il freno? Lo mordo! No, non ora lo mordo, allora lo morsi, proprio quando corsi… Tutto, quella mattina, volgeva verso il meglio. Il sole, il clima, la natura verdeggiante. Dal Piazzale centrale, il cui nome rimava col sodio – ma non con l’odio –, decisi di puntare verso il Raccordo anulare. […]

Nero da morire

Frank continua a guardarsi intorno, oltre la distesa di foglie secche. Cerca di muovere un passo ma ogni scatto del suo corpo rischia di peggiorare quella che è già una terribile situazione. Lancia un urlo nella natura vuota che lo circonda: «C’È NESSUNOOOO?». Neanche l’eco della sua voce lo consola. Nessuna risposta, se non il […]

Attacco di panico

Era lì. Solo. Tutto intorno era vacuo, asfissiante, fagocitante. Aveva preso la Metro, la co(r)sa più semplice del mondo: in pochi attimi grandi distanze, niente traffico né code, una sola co(r)sa. Eppure l’impegno ingombrante gli offuscava la mente. Era la svolta della sua vita: o dentro o fuori. Se avesse superato la prova, avrebbe risolto per sempre; viceversa, […]

Il cerchio di ghisa

Venti quintali di ghisa. Ledion osservò solo per un attimo il pesante cerchio che gli stava davanti. Da quando lavorava in fonderia, al reparto “sabbiatura e sbavatura”, conosceva bene quei cerchi e il loro peso, e sapeva che gli occorrevano quasi dieci ore per lavorarli, per finirli. Ledion non voleva perdere altro tempo: come ogni […]

Io sono Napoli

Mi presento: ho quasi tremila anni e sono ancora in crescita, all’inizio mi chiamavo Parthenope, poi Cuma, ma non mi piacevano questi nomi, così che qualche secolo dopo, la geniale scelta di spostarmi più su e mi rifondarono come Neapolis, (città nuova). Ho aspettato qualche secolo solo perché a me piace fare le cose con […]