Il violinista

La piazza del paese era ancora deserta, il sole mattutino aveva appena iniziato a penetrare ogni cosa, le pietre sconnesse del selciato, la fontanella che non sputava uno zampillo d’acqua da tempo immemorabile, le due panchine in legno piene zeppe di scritte e incisioni fatte dai ragazzetti la domenica pomeriggio. Il paese si stava svegliando […]

Social è bello

«Amore, cosa mi racconti di bello? Qualche novità? Cosa hai fatto questa mattina?». «Niente di particolare, ho accompagnato il piccolino da Michela, ho pulito il soggiorno di casa e mi sono rilassata sulla sdraio in giardino. Ricordi per caso Adele?». «Certo, perché? Cosa le è accaduto?». «Ieri sera è andata ad un mega party in […]

Lo vidi

Lo trovarono morto, adagiato sul letto del fiume, con un grosso masso legato intorno alla caviglia destra. La gravità lo tirò giù, non permettendogli mai più di riemergere. Ancor prima lo vidi sui giornali cittadini, era stato insignito del titolo di Cavaliere del Lavoro. Quale onore per il nostro piccolo paese, anche perché non avevo […]

Il confine

La neve era scesa copiosa e taciturna per tutta la sera, senza avvertire nessuno, senza farsi sentire, senza lasciare che gli abitanti della vallata, che se ne stavano tranquilli dentro ai loro letti tiepidi, potessero prepararsi, il mattino seguente, a quella sua repentina quanto inattesa apparizione. Roberto andò alla finestra e scrutò il buio che […]

Mileto la Guerra la Morte

Il 13 Settembre 1943 ero un bimbo di 21 mesi. I miei parenti e genitori, sfollati dalla città di Mileto e riversati nelle campagne periferiche del paese, preventivamente avvisati da certi volantini lanciati da un aereo ricognitore, che invitavano la popolazione ad abbandonare il paese per imminente bombardamento degli anglo/americani. Quel giorno accadde anche un […]

Primavera

Col primo sole, febbraio si mutava in primavera. Pei campi seminati s’andava spandendo la quiete dell’attesa; slarghi incolti trattenevano a stento la procace esplosione di colori selvatici, che di lì a poco avrebbe aperto al risveglio. Così andavano mutando gli animi, la propensione della gente alla gente. La vista si faceva più chiara, gli occhi […]

Ambizioni sportive

In televisione discutevano sulla futura sede delle Olimpiadi e io ascoltavo incuriosito. Intervenne Claretta: – Ma la prossima volta non sono a Londra? – Sì, adesso stanno decidendo la città che ospiterà la successiva edizione. – Mi piacerebbe partecipare come atleta… – Clara, sai quanti anni hai!? Lei si fermò, mi si parò di fronte, […]

Il palloncino rosa

Prologo Jesus Maria Ardemagni è un ragazzone di circa trent’anni un po’ particolare, non che sia ritardato ma rispetto ai suoi coetanei ha qualcosa in meno, o forse in più, è un semplice forse anche ingenuo come un bimbo di 10 anni. Vive nella campagna di Arquata (che si trova a metà strada tra Alessandria […]